11, Agosto, 2022

Bekaert, il Vescovo Mario Meini: “E umiliante dover assistere allo smantellamento dell’azienda”

Più lette

In Vetrina

Sulla vicenda Bekaert interviene il Vescovo di Fiesole che lancia un appello ai diversi soggetti politici, economici e sociali, soprattutto regionali e nazionali

Sulla vicenda della Bekaert di Figline e delle 112 persone coinvolte interviene anche il Vescovo di Fiesole Mario Meini che già nel 2018 aveva espresso vicinanza e solidarietà agli operai.

"E’ davvero umiliante dover assistere allo smantellamento di una delle aziende che ha segnato la storia economica di Figline Valdarno e di tutto il territorio circostante. Una storia iniziata nel 1959 quando la Pirelli realizzò lo stabilimento per la produzione di steelcord, arrivando progressivamente ad occupare oltre mille dipendenti. Sono passati tanti anni e stiamo assistendo a profonde trasformazioni del mondo del lavoro. Ci rendiamo conto di essere entrati ormai nella “quarta rivoluzione industriale” e che i cambiamenti nelle aziende sono necessari. Ciò che non possiamo condividere e che il profitto diventi l’unico indice di condizione per il funzionamento di una azienda".

“ 'E’ possibile che i conti economici siano in ordine ed insieme che gli uomini, che costituiscono il patrimonio più prezioso dell’azienda, siano umiliati e offesi nella loro dignità” (S. Giovanni Paolo II). Ciò che resta davvero incomprensibile nella vicenda Bekaert è che, pur essendo da tutti riconosciuta come una azienda di eccellenza e con personale altamente qualificato, se ne sia deciso lo smantellamento senza una prospettiva futura per le persone che fino ad ora vi hanno lavorato".

"Papa Francesco più volte ha parlato di disoccupazione come piaga sociale e conseguenza di un sistema economico non più capace di creare lavoro perché abbagliato solo dal profitto. Nel nostro territorio la disoccupazione è un virus che indebolisce e compromette seriamente il corpo sociale della città di Figline e dei paesi limitrofi. Sentiamo pertanto il dovere di esprimere la nostra solidarietà con i lavoratori che rischiano di essere messi ai margini e al tempo stesso di chiedere creatività per assicurare a loro e a tutto il territorio un futuro di lavoro e di lavoro dignitoso. Parafrasando lo slogan dei sindacati per il 1 maggio, diciamo che il territorio si cura con il lavoro".

Il Vescovo di Fiesolo Meini, infine, lancia un appello: "Pertanto facciamo appello ai diversi soggetti politici, economici e sociali, soprattutto regionali e nazionali, di dare concretezza in tempi brevi alle proposte circolate in questi mesi e garantire una risposta concreta alla troppo lunga attesa delle 112 famiglie direttamente coinvolte  e di tutto il nostro territorio".

 

Articoli correlati