26, Febbraio, 2024

Bekaert, il PCI della Toscana: “Nazionalizzare il sito e inserirlo in una filiera pubblica dell’acciaio”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La proposta di Lorenzo Cosimi, della Segreteria Regionale PCI Toscana

Anche il PCI della Toscana interviene in merito alla vertenza Bekaert, per la quale il tempo per fermare i licenziamenti sta per scadere. A parlare è Lorenzo Cosimi, della Segreteria regionale del partito: "La deindustrializzazione della Toscana in vari settori strategici è sotto gli occhi di tutti. Esemplare, nel senso negativo del termine, è la vicenda dello stabilimento Bekaert di Figline. In oltre trenta mesi di vertenza l'azienda e gli attori istituzionali non hanno portato alcun piano di reindustrializzazione sul tavolo delle trattative".

"L'unico piano presentato ufficialmente – ricorda Cosimi – è stato quello di una cooperativa creata appositamente da un gruppo di lavoratori, che di fatto non è stato preso in considerazione. La multinazionale olandese Bekaert, che ha chiuso la fabbrica di Figline per delocalizzare la produzione in Romania (dove il costo del lavoro sarebbe 1/6 di quello italiano), ha comunicato che non intende avvalersi più della cassa integrazione Covid e di voler procedere con i licenziamenti, perché non vede prospettive di reindustrializzazione. In realtà per scongiurare ogni possibilità di concorrenza", sostiene Cosimi.

"L'unica soluzione alternativa alla chiusura definitiva dello stabilimento e che permetta la riassunzione dei più di cento dipendenti rimasti – sostiene il PCI – è un intervento industriale pubblico, statale e/o regionale, che inserisca la produzione dello 'steel cord' nell'ambito di una filiera dell'acciaio regionale e nazionale, pubblica e integrata. Il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani e la sua Giunta devono passare, anche su questo, dalle parole ai fatti". 

"La produzione dell'acciaio – conclude la nota – va difesa come ambito essenziale per la sovranità dell'Italia. Solo un'acquisizione e gestione pubblica e democratica degli impianti produttivi, che veda la partecipazione attiva delle rappresentanze dei lavoratori, può garantire benefici economici alla collettività, la difesa e l'incremento dei posti di lavoro, il risanamento ambientale e la riconversione ecologica della produzione". 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati