07, Agosto, 2022

Bekaert, Cisl in attesa della chiamata al Mise. “Ma va verificata la disponibilit dellazienda a prolungare la cassa”

Più lette

In Vetrina

Il segretario generale Fim Cisl Toscana, Alessandro Beccastrini, annuncia: “Sarebbe in arrivo la convocazione al Ministero”. Senza il prolungamento della cassa integrazione, per, “sar una veglia funebre”

“A quanto ci risulta il ministero dello Sviluppo economico starebbe per convocare le parti sulla vertenza Bekaert per il 30 aprile o per il 3 maggio, ma sarà bene che prima chiami la multinazionale belga e si accerti della disponibilità a prolungare la cassa integrazione. Altrimenti l’incontro sarebbe del tutto inutile: non vogliamo andare a Roma per una veglia funebre”. 

A dirlo è il segretario generale della Fim-Cisl Toscana, Alessandro Beccastrini, che torna a ricordare come il 4 maggio scadranno gli ammortizzatori sociali per i 120 lavoratori rimasti dello stabilimento valdarnese. “La convocazione è sicuramente tardiva, ma il governo faccia la sua parte per non renderla anche paradossale: senza il sì dell’azienda a prolungare la cassa, ci incontreremmo per sancire la definitiva morte dello stabilimento ex Pirelli di Figline. Sarebbe l’ultimo insulto ai lavoratori.”

“In merito alle ultime vicende – precisa poi Beccastrini – riteniamo la lettera non firmata di alcuni lavoratori rivolta ai sindacati e alle istituzioni per trovare una soluzione, pura demagogia. Sono tre anni che stiamo lavorando senza sosta a questa vertenza e l’unica speranza è legata all’impegno del governo a portare in fondo le trattative avviate. Siamo invece d’accordo con la proposta emersa di un tavolo con le istituzioni locali per creare un bacino di lavoratori da cui attingere qualora ci siano dei posti di lavoro in Valdarno. E’ un’ipotesi di lavoro concreta e siamo pronti a lavorarci insieme alle altre forze sindacali.”
 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati