08, Dicembre, 2022

Sesta edizione del premio d’arte “Giuliano Pini”

Più lette

In Vetrina

Torna a Cavriglia il Premio “Giuliano Pini”, in questa edizione con il titolo “Mutar d’Ale” che ricorda un’antologia italiana destinata alle scuole secondarie di primo grado, pubblicata nel 1962 dall’editore Remo Sandron di Firenze ed a cui Giuliano, allora giovane pittore, collaborò illustrando molte poesie e prose.

Lo scorso anno furono circa cento i partecipanti da ogni parte d’Italia. Numeri che dimostrano come sia cresciuto il concorso ideato, voluto e organizzato fin dal 2017 dagli Assessori all’Istruzione e alla Cultura del Comune di Cavriglia, in collaborazione con il Museo Mine , con il patrocinio della Regione Toscana. E questa nuova edizione trova nell’imprenditoria del territorio ancora più sostegno: alla Moretti Spa infatti, storico e sensibilissimo supporto delle aspirazioni artistiche giovanili, si aggiunge la nuova azienda MakerHouse, anch’essa motivata nella valorizzazione e promozione di giovani artisti e nel ricordo del Maestro Giuliano Pini.

Già nel 2014 il Comune di Cavriglia ha voluto intitolare la Sala della Giunta a Giuliano ed alcune sue importanti opere si trovano all’interno dello stesso Palazzo Comunale e nel foyer del Teatro. Inoltre, nella Biblioteca Comunale “Venturino Venturi”, sono consultabili libri di arte, musica, fotografia, archeologia, teatro costituenti il Fondo Pini.

Anche questa edizione del premio d’arte ha trovato nel Liceo Artistico dell’Isis “Benedetto Varchi” di Montevarchi un importante partner e si è strutturata in due sezioni: la prima, diretta agli studenti di Scuola Secondaria di I Grado degli istituti comprensivi del Valdarno aretino e fiorentino; la seconda rivolta invece alla Scuola Secondaria di II Grado, agli studenti e alle studentesse di tutti i Licei Artistici d’Italia.

Dopo l’interesse generale dello scorso anno ed i risultati meritevoli, si profila un programma di grande pregio: la prima sezione vedrà la premiazione alla fine del mese di gennaio, ma il concorso si chiuderà a maggio. Durante questi mesi sarà possibile visitare i luoghi che ospiteranno le opere del Maestro Pini ed assistere ad una lezione del Prof. Andrea Grandi, artista, film-maker e docente accademico. Il bando del concorso è consultabile sul sito del comune: www.comune.cavriglia.ar.it.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati