05, Febbraio, 2023

La storia di Pinocchio racchiusa per scene in vecchie televisioni. Una realizzazione degli anni ’50 ancora in funzione

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Nel borgo medievale del Borro si trovano due animazioni realizzate a mano negli anni ’50 da Don Pasquale Mencattini insieme al gruppo parrocchiale: nonostante il Presepe  venga considerato il più grande lavoro del parroco, la rappresentazione della storia di Pinocchio è altrettanto notevole. Si tratta di una storia raccontata per scene all’interno di alcune vecchie televisioni, animate da piccoli movimenti tramite alcuni motorini. L’effetto scenico è inaspettato e sorprendente.

A manutenerlo dopo la morte del parroco, è stato, come per il Presepe, Pietro Galletti che anche in questo caso ha dovuto ripristinare gli impianti dell’opera. La rappresentazione risulta di particolare impatto grazie all’accortezza di Mencattini nel cogliere i dettagli a partire dai volti dei personaggi. Dalle immagini si può già vedere come viene resa la sconsolatezza nel volto di Geppetto quando sembra non riuscire a finire di realizzare il suo bambino di legno; oppere il dettaglio dei quattro corvi che portano la bara che è l’imput che convincerà Pinocchio ammalato a casa della fatina dai capelli turchini, a bere l’amara medicina. Ancora la disperazione di Pinocchio e Lucignolo capendo di diventare asini dopo aver trascorso qualche mese nel Paese dei Balocchi, luogo di solo divertimento e senza studio. Ma la scena più convincente anche da un punto di vista ingegneristico, è la bocca della balena: una rappresentazione veramente originale.

 

Articoli correlati