15, Giugno, 2024

“Il Paese che vogliamo”: presentazione del nuovo libro e intervista a Stefano Bonaccini

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Ieri sera presso l’Auditorium le Fornaci di Terranuova Bracciolini, il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, intervistato dal giornalista Nicola Vasai, ha presentato il suo ultimo libro: “Il Paese che vogliamo. Idee e proposte per l’Italia del futuro”. Un libro che nasce del confronto costante con i cittadini e le loro reali necessità.

“Siamo ononrati di ospitare a Terranuova il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini” – Spiega Mauro Bronzi, segretario del Partito Democratico di Terranuova Bracciolini – “Il libro che presenta stasera è il frutto di tanti incontri e confronti avuti con i cittadini durante la campagna elettorale e appena diventato presidente. Il PD spera che quello che lui comunque non chiama programma politico, in qualche modo lo diventi perchè sono le persone, che fanno i programmi politici”.

Le parole di Stefano Bonaccini a riguardo del Paese che vogliamo: “Vogliamo un Paese più efficente, più moderno, più giusto. Un Paese che investa su scuola, Università, formazione, conoscenza e su ciò che il PNRR indica come pilastri: la transizione ecologica e quella digitale. Su questo dobbiamo scommettere, perchè le risorse arrivate dall’ Europa obiettivamente sono un’opportunità per noi. Dobbiamo essere noi che governiamo, a dimostrare di essere all’altezza. Se spese bene queste risorse, i ritmi di crescita del Paese potrebbero essere doppi o tripli rispetto a quelli degli ultimi venti anni. ”

Continua Bonaccini a proposito degli ultimi avvenimenti in Senato: “Quello è il Paese che non vogliamo. Questa destra che esulta, mi pare che dimostri di essere una destra premoderna. Se guardano cosa hanno fatto i partiti conservatori, liberali, moderati del resto d’Europa; si accorgeranno che hanno già approvato leggi molto più avanzate delle nostre. Ancor apeggio per chi si nasconde dietro a un voto segreto e non ha neanche il coraggio di metterci la faccia. Io porterei fuori dal Parlamento questa discussione perchè secondo l’Italia è più avanti della politica e sono convinto che se dovessimo andare ad una consultazione popolare non so nelle dimensione, ma nell’esito finirebbe ocme il referendum degli anni ’70 su aborto e divorzio; perchè ho amici di destra che quando si parla del diritto di chiunque ad amare e vivere con chi preferisce dicono di essere d’accordo”.

Articoli correlati