01, Marzo, 2024

Un anno dallo scoppio del conflitto in Ucraina: San Giovanni dedica la giornata alla riflessione

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

A un anno dallo scoppio del conflitto in Ucraina, San Giovanni organizza un momento di raccoglimento con una “fiaccolata per la pace”. È la Giornata di riflessione e silenzio per la pace: nel pomeriggio, in centro storico, risuoneranno musiche e canti e la sera, dalle 21, tutti in piazza con una candela o una luce accesa.

Era il 24 febbraio 2022 quando la Russia ha invaso l’Ucraina e in questi lunghi e difficili 12 mesi ogni giorno i giornali hanno riportato notizie di missili, palazzine distrutte, esodi, famiglie divise e altre atroci conseguenze. A un anno di distanza, venerdì 24 febbraio, San Giovanni Valdarno si stringe in un momento di riflessione, cercando di portare un messaggio di pace oltre i confini delle proprie mura. Dal pomeriggio, nel centro storico della città del Marzocco, risuoneranno musiche e canti e, dalle 21, l’appuntamento è in piazza Masaccio. Ognuno è invitato a portare una candela o una luce accesa per dar vita ad una “fiaccolata per la pace”. L’amministrazione:

Oggi più che mai vogliamo unirci insieme, oltre le differenze di credo, etnia, colore politico, per cantare e illuminare la notte con la fiaccola della pace”.

L’iniziativa, organizzata dal Comune di San Giovanni Valdarno, dalle Parrocchie della città e dal Tavolo della partecipazione, che riunisce le associazioni del territorio, inizierà con 365 secondi di silenzio, tanti quanti i giorni di guerra in Ucraina. Dopodiché sarà letto l’elenco delle guerre in tutto il mondo specificando che nel paese guidato dal presidente Zelensky c’è un invasore. Poi, chi lo desidera, potrà andare alla veglia di preghiera.

Articoli correlati