02, Febbraio, 2023

Integrazione socio-sanitaria. Usl Toscana sude est e Conferenza integrata dei Sindaci firmano la convenzione

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Questa mattina la Conferenza Integrata dei Sindaci del Valdarno insieme all’azienda USL Toscana sud est hanno firmato una convenzione per l’esercizio delle funzioni di integrazione socio-sanitaria. Avviato un percorso integrato della Non Autosufficienza, iniziano i lavori su quello relativo alla disabilità. Il riferimento è alla Zona-distretto Valdarno coi Comuni di Bucine, Castelfranco Piandiscò, Cavriglia, Laterina Pergine Valdarno, Loro Ciuffenna, Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini.

Con l’adozione della convenzione i Comuni della Zona Distretto Valdarno consentono la piena integrazione delle attività sociosanitarie evitando così duplicazioni di interventi tra gli enti associati; assicurano il governo dei servizi sociosanitari e le soluzioni organizzative adeguate per garantire la presa in carico integrata del bisogno sanitario e sociale e la continuità del percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale; rendono la programmazione delle attività sociosanitarie coerente con i bisogni di salute della popolazione e promuovono l’innovazione organizzativa, tecnica e gestionale nel settore dei servizi sociosanitari di zona distretto.

Sergio Chienni, Presidente della Conferenza dei Sindaci: “La Convenzione di cui anche la nostra Conferenza si è dotata è un atto dovuto come disciplinato dalla legge regionale n.40 del 24/02/2005. Il documento adottato dalla Zona delinea un percorso che inizia con la Non Autosufficienza, con l’obiettivo specifico di erogare servizi certi, sostenibili e modulati sullo stato di bisogno della persona. La finalità è quella di qualificare gli strumenti diretti a individuare il bisogno e i servizi per offrire risposte adeguate, formare gli operatori, implementare forme di collaborazione con soggetti e organizzazioni terze, pubbliche e private, al fine di favorire percorsi che privilegino la domiciliarità. La Convenzione ha validità quinquennale e potrà essere rinnovata e/o modificata con adozione di un apposito atto deliberativo della Conferenza dei Sindaci Integrata della Zona Valdarno.”

Stefania Magi, Direttrice della Zona Distretto Valdarno:“La firma della convenzione tra Comuni e Asl che delinea un percorso integrato per quanto riguarda la Non Autosufficienza è un importante punto di partenza per ribadire la volontà di un territorio e di una comunità di assicurare servizi omogenei e integrati. Tutto questo è stato frutto di un lavoro che ha visto Asl e Comuni strettamente connessi con l’unico obiettivo di assicurare percorsi e soluzioni adeguati ai cittadini del Valdarno in base alle loro esigenze e ai loro bisogni di cura e assistenza a prescindere dal comune di residenza”.

 

Articoli correlati