02, Dicembre, 2022

Cavriglia, l’Amministrazione comunale investe 4.500 euro in libri per bambini

Più lette

In Vetrina

L’Amministrazione comunale di Cavriglia continua ad investire in cultura, nelle biblioteche e nell’infanzia. Dopo le inaugurazioni delle sedi del capoluogo e di Castelnuovo dei Sabbioni, quest’ultima dedicata a Rambaldo Macucci, ultimo abitante del Borgo d’Avane, è stata ampliata e rinnovata con un investimento di circa 4.500 euro provenienti da fondi ministeriali la sezione dei libri per l’infanzia della Biblioteca “Venturino Venturi” di Cavriglia.

Il progetto, che ha visto l’ingresso di Cavriglia nella Rete Documentaria Aretina è, altresì, cresciuto con l’apertura, sempre nel 2021 all’inizio dell’anno scolastico passato, della Sala “Gino Strada”, ove vengono accolti in particolare i libri che narrano e descrivono il territorio.

In particolare la partenza del “Progetto Biblioteca” nel 2018 ha visto nascere a ruota l’Associazione LiberiLibri, che consente l’ampliamento degli orari di apertura e propone sempre numerose iniziative di promozione della lettura. Tali iniziative non si sono fermate neppure con la pandemia, anzi il lavoro più grande è stato sempre rivolto ai più piccoli. Pertanto, la scelta in occasione della “Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia”, di investire proprio nei libri dei piccoli e degli adolescenti al fine di garantire quei diritti culturali, che la Convenzione Onu del 1989 (in vigore dal 1991) sancisce e che nell’articolo 27 stabilisce che gli Stati firmatari devono incoraggiare la diffusione dei libri per l’infanzia, risulta quanto mai attuale con i tempi.

Articoli correlati