30.11.2018  10:17

Tragedia dell'A1, la Polstrada ricostruisce la dinamica dell'incidente. Sotto sequestro i mezzi coinvolti

di Glenda Venturini
L'auto su cui viaggiavano madre, padre e figlio proveniva dal Veneto: si è fermata per un malore del ragazzo che però è sceso, finendo in mezzo alla carreggiata, dove è stato travolto da un camion ed è morto sul colpo. La madre, 66 anni, è a Careggi, non in pericolo di vita


(repertorio)

commenti

Data della notizia:  30.11.2018  10:17

E’ stata trasferita con l'elisoccorso dall’ospedale di Arezzo a quello di Careggi la donna di 66 anni che, ieri sera tardi, è stata travolta insieme al figlio 30enne sull’A1 da un autocarro, tra le uscite di Valdarno e Arezzo, in direzione sud, al confine fra i territori di Terranuova e Laterina e Pergine. Il ragazzo purtroppo è morto sul colpo, la madre ha riportato ferite in codice rosso ma non rischia la vita. 

È stata la Polizia stradale di Arezzo, intervenuta sul posto, a ricostruire i contorni della tragedia. I due viaggiavano a bordo di una Renault Scenic condotta da un uomo di 69 anni, residente a Roma insieme alla donna, sua moglie, e al figlio che, a causa dell’investimento, è deceduto, nonostante il pronto intervento dei sanitari del 118 che non hanno potuto fare nulla per salvarlo.

I tre tornavano dal Veneto dove il figlio era arrivato il giorno prima per lavoro, ma dove aveva accusato un malessere: i genitori erano andati lì a riprenderlo. Durante il viaggio il padre si è dovuto fermare in corsia di emergenza, accendendo le quattro frecce, perché il ragazzo non stava bene. A un certo punto il figlio ha aperto la portiera dell’auto dirigendosi verso la corsia di sorpasso. Era molto buio e la madre, d’istinto, l’ha inseguito per riprenderlo ma è sopraggiunto l’autocarro, con a bordo due persone.

L’impatto è stato inevitabile: il conducente del mezzo e un suo collega di lavoro, che era con lui, sono scesi e insieme ad altre persone che avevano inchiodato i loro veicoli vedendo quella scena, si sono prodigati per aiutare madre e figlio, allertando Polstrada e 118. Sul posto sono giunti due equipaggi della Sottosezione di Battifolle e uno della Sezione di Arezzo, nonché il personale della manutenzione della Società Autostrade per l’Italia, che hanno chiuso il tratto dell’A1 tra Arezzo e Incisa, in direzione di Roma, per soccorrere gli investiti.

Gli investigatori della Polstrada hanno ricostruito la dinamica del sinistro, sentendo il 69enne e aiutandolo in quel drammatico momento che stava vivendo. I poliziotti hanno sequestrato la Renault e l’autocarro, il cui conducente è risultato negativo all’etilometro, trasmettendo alla Procura di Arezzo un dettagliato dossier. L’autostrada è stata riaperta a mezzanotte.

Cronaca

 
comments powered by Disqus