08, Dicembre, 2022

Giornata delle Forze armate e dell’Unità Nazionale, arte e cultura nel Weekender valdarnese

Più lette

In Vetrina

VENERDì 4 NOVEMBRE

 San Giovanni – Anche San Giovanni Valdarno, giovedì 4 novembre, celebra la festa dell’Unità nazionale e della giornata delle forze armate. La manifestazione inizierà alle 8,30 con la celebrazione della Santa messa nella chiesa di San Lorenzo in piazza Masaccio. Alle ore 9,45 la delegazione si sposterà al cimitero comunale per deporre una corona d’alloro al sacrario dei caduti. Seguirà, alle ore 10,15, la deposizione di una corona al monumento ai caduti presso Lungarno Don Minzoni.

Figline Incisa – Anche a Figline e Incisa Valdarno, il 4 novembre, si celebra (con una doppia cerimonia) la Giornata delle Forze armate e dell’Unità Nazionale. Un modo per ricordare, nel 104° anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale, l’impegno di tutti i militari caduti nell’assolvimento del proprio dovere, lo spirito di sacrificio che hanno sempre dimostrato e che ancora oggi, tutti i giorni, continuano a dimostrare. Nel dettaglio, alle 10 l’appuntamento è a Incisa, in piazza Mazzanti, per la deposizione e la benedizione di una corona alla presenza delle associazioni combattentistiche e delle forze dell’Ordine. Interverranno la sindaca Giulia Mugnai e il  presidente del Consiglio comunale, Federico Cecoro. Si replica alle 11 a Figline, con la deposizione presso l’Albero dell’Universo.

Figline Incisa – Venerdì 4 novembre, prima alle 10 e poi di nuovo alle 14, c’è “Conosciamo le piante di Figline”, una passeggiata a cura del Reparto Carabinieri Biodiversità di Vallombrosa durante la quale gli alunni delle scuole comunali andranno alla scoperta delle specie di alberi e piante che vivono nel centro urbano di Figline, per imparare a conoscerle e a rispettarle.

SABATO 5 NOVEMBRE

San Giovanni Valdarno – Masaccio e Angelico. Dialogo sulla verità nella pittura Visite, incontri, dialoghi ed eventi. Visite ad arte: i curatori raccontano… Sabato 5 novembre h.18:30 Masaccio e Angelico. Dialogo sulla verità nella pittura. Rita Selvaggio racconta la mostra Pupille. Ci fioriscono gli occhi se ci guardiamo. Sabato 5 novembre h.18:30 Inaugurazione mostra Pupille. Ci fioriscono gli occhi se ci guardiamo a Casa Masaccio centro per l’arte contemporanea.

San Giovanni – Si intitola “Pro e Contro. Frammenti di storia dell’arte dall’Ottocento al Novecento” il ciclo di incontri che si terranno a Palomar a partire da sabato 5 novembre tenuti dal pittore e saggista Marco Fidolini. Nato a San Giovanni Valdarno, dal 1965 – anno di esordio ufficiale, galleria Vigna Nuova di Firenze – ha allestito numerose personali e partecipato a rassegne nazionali e internazionali. Degli anni Settanta sono le sue prime acqueforti e ben presto l’attività incisoria va ad affiancarsi a quella della pittura la cui ricerca si fonda intorno all’iconografia metropolitano-industriale. Dalla metà degli anni Novanta, Fidolini ha dato vita ad una serie di oggetti – sculture mutuati dalla coroplastica etrusca. Numerose sono le mostre alle quali l’artista ha preso parte a livello nazionale; una nutrita raccolta di acqueforti è conservata presso il Gabinetto di disegni e stampe degli Uffizi e al Museo della Grafica Palazzo Lanfranchi di Pisa.

Figline Incisa – LA SERATA “150+50” DEL 5 NOVEMBRE – Oltre alle stagioni di Prosa (che porterà sul palco figlinese attori del calibro di Sergio Castellitto, Amanda Sandrelli, Ambra Angiolini, Ale & Franz, la coppia Massimo Ghini e Paolo Ruffini e tanti decani del teatro italiano tra i quali Nini Salerno e Franco Branciaroli) e Concertistica (sei concerti dell’Orchestra della Toscana, di volta in volta affiancata da giovani direttori e solisti emergenti), sono tanti gli appuntamenti “extra stagione”, per scoprire la storia e i luoghi più insoliti del Garibaldi. Il primo dedicato ai 150 anni dalla fondazione del teatro e alla sua cinquantesima stagione di prosa. Dalle 21, via alle celebrazioni ma anche al dibattito, per riflettere sul presente e sul futuro della cultura, teatrale e non solo, anche in relazione al periodo post pandemico. Saranno presenti: Eugenio Giani, Presidente della Toscana; Giulia Mugnai, Sindaca di Figline e Incisa Valdarno; Marco Parri, Direttore Generale Fondazione Orchestra Regionale Toscana; Marco Giorgetti, Direttore Generale Fondazione Teatro della Toscana; Agnese Fedeli, Direttrice FlorenceTV.

Figline Incisa – Si torna a passeggiare nelle campagne del territorio, sabato 5 novembre, con l’escursione “A piedi sui colli di San Martino”. Accompagnati da una guida ambientale escursionistica, un’occasione per conoscere storia e natura, paesaggio e tradizioni di uno degli angoli più suggestivi di Figline e Incisa Valdarno. Ritrovo presso il Monumento ai Caduti di Pian d’Albero a Sant’Andrea in Campiglia, alle 9. Il percorso è lungo circa 8,5 chilometri con 250 metri di dislivello. Rientro previsto per le ore 13. Richieste calzature adeguate e abbigliamento idoneo. L’organizzazione si riserva di annullare l’escursione in caso di previsioni meteorologiche avverse. La partecipazione è gratuita, prenotazione necessaria su www.fiv-eventi.it. Primi lanci di dadi alle 10 di sabato 5 novembre, quando è in programma il laboratorio di giochi di ruolo con master a cura di Kraken, un’associazione che promuove il gioco come strumento per l’educazione e l’inclusività. In questi giochi i partecipanti assumono ciascuno il ruolo di un personaggio immaginario che agisce in un’ambientazione narrativa di solito fantastica, storica o fantascientifica.

Gaville – “Aspettando Autumnia” si conclude infine con una ricca giornata a Gaville dedicata a “Storie e sapori del mondo contadino”. Alle 10.30, una visita guidata alla Casa della Civiltà Contadina di Gaville. La partecipazione è su offerta libera, prenotazioni su www.fiv-eventi.it. Alle 13 tutti a tavola, presso il Circolo Arci di Gaville, per un pranzo dedicato ai sapori della tradizione. Necessaria la prenotazione entro il 3 novembre telefonando al 338.4442564. A cura di: Comune di Figline e Incisa Valdarno, Casa della Civiltà Contadina di Gaville e Circolo Arci Gaville.

DOMENICA 6 NOVEMBRE

Cavriglia – Sagra delle castagne a Meleto Valdarno. Domenica il Circolo Sociale di Meleto ha organizzato la sagra delle castagne con tante iniziative. Alle 12 e 30 è previsto un pranzo sociale su prenotazione a base di piatti tipici toscani e arrosto girato. Nel pomeriggio invece alle 15 e 30 apriranno gli stand enogastronimici con caldarroste, castagnaccio, bomboloni, frittelle con farina di castagne, porchetta e ciaccia fritta. Alle 18 chiuderà la festa lo spettacolo di fuoco con il gruppo Giullari del 2000.

Articoli correlati