02, Dicembre, 2022

Caro energia, respinto documento dell’opposizione. Nenci: “Proponevamo un fondo di solidarietà con una parte dell’avanzo di amministrazione”

Più lette

In Vetrina

La questione del caro energia anche al centro del consiglio comunale di Reggello, che nella seduta del 19 ottobre ha approvato un ordine del giorno del PD per impegnare il Governo a prendere misure per contenere il caro energia. Respinto invece un documento di integrazione sottoscritto dai gruppi di opposizione e presentato da Veronica Nenci, che in una nota spiega: “Nella nostra integrazione si impegnava la Giunta, in questa congiuntura economica disastrosa, che si preannuncia ancora più triste per l’inverno che incombe, a stanziare una parte del 1.800.000 € dell’avanzo di amministrazione per istituire un fondo di solidarietà per le famiglie che ne facciano richiesta, tramite un bando trasparente, che le aiuti a pagare le bollette di gas e luce. Né più né meno di quello che ha fatto il vicino comune di Incisa e Figline Valdarno”.

“Un piccolo segnale ai cittadini – continua la capogruppo di opposizione – che, a parole, si dice sempre di voler tutelare, ma che, appena se ne presenta l’occasione, vengono messi in stand by per valutare non si sa bene che cosa. Ricordiamo che l’avanzo di amministrazione è stato utilizzato, almeno per un quinto del suo ammontare, per coprire l’Imu e l’Irpef non pagata dai nostri cittadini, il che ci dovrebbe dare l’allarme sul fatto che, visto che questo fenomeno è in ascesa col passare degli anni, probabilmente la tassazione comunale andrebbe rivista, anziché aumentata per i soliti che pagano e poi coprire l’evasione con l’avanzo di amministrazione”.

“L’intento nostro – conclude Nenci – era proprio di rendere trasparenti i criteri con cui si aiuterebbero le famiglie in questa congiuntura, famiglie magari “nuove” nel chiedere aiuti e che avessero il diritto di potere avere un bonus una tantum, senza magari doversi umiliare a chiedere un appuntamento all’assistente sociale. Ad ogni buon conto, il PD ha respinto la nostra integrazione”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati