07, Dicembre, 2021

Il Pci del Valdarno fiorentino a difesa del Serristori. Barozzino: “Stop allo smantellamento”

spot_img

Più lette

Il PCI del Valdarno fiorentino e il candidato sindaco a Reggello del PCI, Antonio Barozzino Consiglio, intervengono con una nota sulla situazione dell’ospedale Serristori di Figline chiedendo il “ripristino e rafforzamento dell’offerta sanitaria a garanzia del diritto alla salute” e il “contestuale rafforzamento delle attività domiciliari e distrettuali sociosanitarie del vasto territorio reggellese”.

“Al presidio ospedaliero Serristori – si legge nella nota – prosegue da parte della USL Toscana Centro, Regione Toscana e le attuali Amministrazioni Comunali del Valdarno Fiorentino la politica di riduzione drastica dell’offerta sanitaria, con tagli del personale e di posti letto, chiusura di reparti quali Pronto soccorso H24, Medicina, Subintensiva, riduzione delle attività specialistiche, soppressione della guardia medica notturna, mancata riapertura del dentista e dell’odontoiatria, riduzione delle attività pediatriche e cardiologiche”.

“Queste politiche gestionali di smantellamento – continua Barozzino Consiglio, candidato del PCI – sono tutto il contrario di quello che serve alla popolazione, in risposta ai bisogni sociosanitari e all’applicazione effettiva di quanto enunciato dall’art. 32 della Costituzione sul diritto alla salute. A nome del PCI del Valdarno Fiorentino, come già dichiarato nel programma elettorale presentato, in qualità di candidato Sindaco al Comune di Reggello pretendo il ripristino di tutte le attività sopra elencate al presidio ospedaliero Serristori, con il contestuale rafforzamento delle attività domiciliari e distrettuali sociosanitarie del vasto territorio reggellese e pari dignità all’accesso alle cure dei cittadini spesso raggirati da inutili promesse elettorali”.

“Come PCI – conclude la nota – chiediamo inoltre all’attuale Amministrazione Comunale di effettuare veri controlli sull’operato della azienda USL TC e del suo management, di rafforzare la rete dell’emergenza urgenza territoriale rendendosi disponibile a farsi promotore di iniziative sul diritto alla salute sollevate dai cittadini di Reggello”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati