24, Maggio, 2024

VII Memorial Antonella Debolini: si è tenuta oggi la gara di atletica leggera fra le scuole del Valdarno

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Giunge alla sua settima edizione la manifestazione sportiva Memorial Antonella Debolini, evento organizzato dall’Istituto Comprensivo Masaccio di San Giovanni Valdarno, ultima scuola dove la professoressa Debolini ha insegnato. Una giornata all’insegna dell’atletica leggera allo stadio Brilli Peri di Montevarchi che ha visto sfidarsi cinque scuole del Valdarno, confermandosi l’unico evento sportivo di atletica leggera cadetti fra le scuole della provincia di Arezzo.

Un progetto che va avanti dal 2015, in sinergia con il comune di Montevarchi che ha messo a disposizione il nuovo impianto di atletica leggera dello stadio Brilli Peri, l’associazione “Rinascita” di Montevarchi e alcuni studenti dell’indirizzo sportivo del Liceo Varchi. Quest’anno si sono sfidati cinque istituti scolastici del Valdarno: la scuola capofila IC Masaccio, la scuola Marconi di San Giovanni Valdarno, le Magiotti e la Petrarca di Montevarchi e, infine, l’IC di Bucine. Al Brilli Peri gli studenti di ogni Istituto valdarnese si sono dimostrati entusiasti e vogliosi di gareggiare, confermandosi un prezioso momento di sport e condivisioni fra i più giovani.

Gli studenti in gara, preparati nel corso dell’anno scolastico dai vari docenti di scienze sportive, hanno svolto diverse discipline di atletica leggera, dalla corsa al lancio del peso e del vortex, al salto in lungo e sul finale nella gara di staffetta mista. La scuola vincitrice di questa settima edizione è l’IC Bucine che si è aggiudicata il primo posto sia nella categoria maschile che femminile, vincendo il Premio Debolini. All’evento presente il sindaco di Montevarchi Silvia Martini Chiassai e la famiglia di Antonella Debolini, che da anni ormai sostiene ed è presente alla manifestazione portando tramite le parole del marito il ricordo della professoressa.

Francesco Dallai Dirigente scolastico IC Masaccio sulla professoressa Antonella Debolini: “Una bellissima giornata di sport oggi qui allo stadio Brilli Peri di Montevarchi, la scuola che io rappresento ha pensato questa manifestazione già dal 2015 in ricordo della professoressa Antonella Debolini, venuta a mancare dieci anni fa nel luglio 2014. Professoressa che ha svolto il proprio lavoro in diverse scuole del Valdarno, la cui ultima è stata proprio la Masaccio, ho avuto modo di conoscerla e apprezzare, oltre che la grande professionalità, anche la passione che aveva proprio nel voler portare avanti i valori dello sport in maniera positiva e di fare in modo che tutti i ragazzi potessero sempre dare il meglio di loro.

“Continuare a trasmettere una sana competizione, è quello che proviamo con questa manifestazione, unica fra l’altro di atletica leggera delle categoria cadetti in tutta la provincia di Arezzo- prosegue Dallai– Evento che coinvolge tutte le scuole medie del Valdarno, quest’anno però per vari motivi non siamo riusciti a raggiungere proprio tutte le scuole però ben 5 hanno preso parte ed è stata un’esplosione di colori, magliette, ma anche un’esplosione di gioia e armonia, proprio quella che lo sport e l’atletica riesce a dare, quindi mi auguro di poter continuare a lungo. Quest’anno abbiamo avuto anche il supporto della collega Debolini, preside del comprensivo Magiotti di Montevarchi, così come varie associazioni, la “Rinascita” di Montevarchi, il Liceo scientifico a indirizzo sportivo, che da un punto di vista logistico ci aiutano tanto. Un grazie sentito agli insegnanti di educazione di scienze motorie, al comune di Montevarchi e alla presenza del Sindaco stesso”.

Silvia Martini Chiassai sindaco di Montevarchi: “Una bella occasione soprattutto per ricordare una professoressa che ha dato tanta passione e impegno nei suoi anni di insegnamento con i ragazzi nel mondo dello sport, quindi è stata l’occasione migliore per ricordarla dopo dieci anni dalla sua scomparsa. Tanti ragazzi delle scuole del Valdarno che hanno partecipato a questa sfida, una sorta di Olimpiadi studentesche, nel nostro stadio  riqualificato con una pista di atletica che era perfetta per questa giornata. Ci ha fatto davvero tanto piacere vedere questi ragazzi appassionati, motivati e competitivi anche giustamente dato l’impegno ad allenarsi per vincere. Un bel gioco di squadra nella staffetta e soprattutto una giornata di sano sport attraverso la scuola. Davvero un momento per ricordare la professoressa, un momento per fare sport, quindi messaggi importanti che hanno coinvolto studenti e professori”.

Articoli correlati