01, Luglio, 2022

Valdarnocinema Film Festival, Nicoletta Braschi: “Da questo Festival ho l’idea che il cinema italiano possa crescere molto”

Più lette

In Vetrina

Prima della premiazione finale in Palazzo d’Arnolfo si è tenuto l’appuntamento con “La parola ai giurati”

Abito scuro, modi gentili e garbati, un amore per il cinema e per il teatro, attrice e produttrice, Nicoletta Braschi, presidente della giuria di Valdarnocinema Film Festival ha partecipato all'appuntamento con "La parola alla giuria", in Palazzo d'Arnolfo a San Giovanni, uno degli eventi della rinnovata kermesse dedicata al cinema, quest'anno giunta alla sua 36° edizione.

Nicoletta Braschi ha parlato della rassegna sangiovannese e del cinema italiano.

"A me pare molto vitale, si vedono film bellissimi in giro anche se io non sono una critica. Aspetto di vedere presto altri film della stessa qualità. A Valdarnocinema Film Fesrival Si vive il cinema, lo si analizza e si fa festa al cinema con gioia. D’altra parte festival deriva da festa.

Su cosa le ha dato l'esperienza vissuta come presidente della giuria Nicoletta Braschi sottoline:: "Intanto dei nuovi amici e poi ho visto dei bei film. Ritorno alla domanda iniziale sulla salute del cinema: vedendo questi film e questi cortometraggi selezionati per essere proiettati al festival ho l’idea che il cinema italiano possa crescere molto".

Infine i progetti futuri, magari un altro film con Roberto Benigni? "Vorrei continuare a teatro con “Giorni felici” (dramma in due atti scritto sa Samuel Beckett nel 1961 n.d.r). Non metto da parte il cinema, è sempre lì perché è quello che ho fatto finora però attualmente mi sto concentrando sul teatro. Queste cose di marito-moglie non sono quelle che io propongo, quello che propongo è il mio lavoro. Sono comunque onorata e felice di avere lavorato con Roberto Benigni perché il suo cinema è un qualcosa di davvero straordinario".

 

 

 

Articoli correlati