03, Marzo, 2024

Un gruppo di personaggi politici, artisti, professionisti, operatori culturali firma il sostegno a Paolo Ricci

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

L’iniziativa parte da Enzo Brogi e ha raccolto il consenso di altre 22 persone, non solo montevarchini: fra loro alcuni imprenditori, due ex sindaci, alcuni sostenitori di Grasso. “Sceglieremo Paolo Ricci e invitiamo chi crede in un centrosinistra aperto a fare lo stesso”

Un endorsement di gruppo al candidato Paolo Ricci, in vista del ballottaggio di domenica. Un sostegno firmato da 23 personalità del mondo della politica, della cultura, del sociale e del tessuto produttivo valdarnese. "Montevarchi innovativa, laica, inclusiva. Montevarchi capace di continuare ad essere uno dei punti di riferimento del Valdarno. Questa è la città che abbiamo in testa e che vorremo affidare alle nostre nuove generazioni. E per questo, domenica 19 giugno, sosterremo la scelta di Paolo Ricci a Sindaco di Montevarchi. Alcuni di noi avranno l’opportunità di votarlo. In molti altri, ugualmente, riteniamo di appoggiare e incoraggiare la sua elezione". 

Alcuni non sono infatti montevarchini, a partire da Enzo Brogi, che ha promosso l'iniziativa. Esprimono il sostegno a Ricci anche il sottosegretario all'economia Tommaso Nannicini; esponenti di Sel e Sinistra per Montevarchi, o che avevano sostenuto al primo turno Grasso, come Serena Ferraiuolo, Beatrice Corazzi, Leonardo Simoni; imprenditori come Simone Carresi e Marco Noferi; operatori del settore culturale e artistico come Aldo Ferrucci, Gian Piero Bigazzi, Francesca Pieraccini, Daniele Malvisi, Stefano Beccastrini. Ci sono anche due ex sindaci: Massimo Gregorini, che guidò il comune di Montevarchi; e Sauro Testi, ex primo cittadino di Bucine. E ancora, Martina Nundini, Paola Nanniccini, Piero Chierici, Sergio Serges, Daniela Belardini, Moreno Grassi, Maria Grazia Mammuccini, Filippo Boni e Gianrico Fabbri. 

"Abbiamo a cuore il futuro del Valdarno e pertanto chiediamo di continuare a coltivare il terreno dei diritti, della cultura e della solidarietà, valori che il centrodestra non ha mai alimentato. Come cittadini liberi e democratici, auspichiamo una città che non si chiuda nelle spalle ma si specchi nel civismo, nella partecipazione, nel coraggio di seguire altre direzioni, nella contaminazione di culture e valori che sempre abbiamo raccontato attraverso le nostre più preziose esperienze di associazionismo, di istituzioni culturali, di reti di protezione sociale".

"Siamo convinti – scrivono ancora – che l'occasione di una visione progressista e innovativa della prossima Amministrazione sia in campo e sia necessaria una sua affermazione. Sosterremo Paolo Ricci, consapevoli e orgogliosi che proprio le tante sfumature che ci appartengono nel solco di obiettivi comuni potranno garantire quell'unità aperta e larga di una  cultura di centrosinistra. Consapevoli, che non vogliamo fermare il processo di rinnovamento e la prospettiva di un comune moderno e democratico. Consapevoli, soprattutto, che nelle sfide ultime, quelle che segnano  direzioni opposte per la nostra città e per il futuro dei nostri cittadini, sappiamo da quale parte stare. Ci saremo e non staremo a guardare. Sceglieremo Paolo e invitiamo chi crede in un centrosinistra aperto a fare altrettanto". 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati