28, Maggio, 2024

Truffe on line, due quelle scoperte, tre le persone denunciate

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

In azione i carabinieri delle stazioni di Bucine e Loro Ciuffenna

I carabinieri della compagnia di San Giovanni hanno fatto luce ancora una volta su due episodi legati a quello che è ormai diventato una piaga dei tempi moderni: il fenomeno delle truffe online. Sono state due le indagini-lampo dei carabinieri di Loro Ciuffenna e di Bucine. Tre le persone denunciate. 

Nel primo episodio il modus operandi è stato quello classico: due uomini originari del brindisino avevano pubblicato un annuncio, su una piattaforma digitale di vendite online, proponendo una consolle da videogiochi a un prezzo particolarmente vantaggioso. Una volta ricevuta la manifestazione d’interesse al valdarnese è stato richiesto un pagamento anticipato. La merce, però, non è stata mai consegnata.

Stavolta è andata male ai truffatori che sono stati smascherati e denunciati dai carabinieri di Loro Ciuffenna. Dopo una serie di accurati accertamenti elettronici e bancari, infatti, gli investigatori hanno ricostruito la vicenda: gli indagati, dopo aver preso contatti con la vittima di turno, erano riusciti a convincerla ad accreditare la somma pattuita su una carta prepagata, salvo poi scomparire nel nulla, facendo perdere traccia di sé e della consolle.

I carabinieri di Bucine, invece, hanno fatto luce su una truffa nata sì online, ma con risvolti differenti. Stavolta tutto si è consumato su un social network: una valdarnese e il truffatore hanno stretto un'amicizia ed in seguito l'uomo con precedenti di polizia alle spalle ha iniziato a paventare problemi economici. Con il passare dei mesi, i carabinieri hanno accertato che la donna è stata indotta a consegnare al truffatore svariate migliaia di euro. Una volta realizzato di essere stata raggirata ha deciso di rivolgersi ai carabinieri. Anche in questo caso, gli accertamenti elettronici e bancari hanno portato all’identificazione del malfattore, ed al suo deferimento in stato di libertà alla Procura di Arezzo.

 

 

Articoli correlati