28, Settembre, 2022

Studenti di Bucine vincitori ai Campionati Studenteschi di atletica leggera: due medaglie d’oro anche alle finali regionali

Più lette

In Vetrina

La premiazione è avvenuta nei giorni scorsi a Bucine: premio agli studenti vincitori alle finali provinciali dei Campionati Studenteschi di atletica leggera, oltre al riconoscimento alle due medaglie d’oro vinte alle finali regionali

L'Istituto Comprensivo di Bucine ha premiato gli studenti che ad aprile si sono laureati campioni provinciali dei Campionati Studenteschi di Atletica Leggera. Una squadra bravissima, che ha conquistato anche il Memorial Debolini (gara di atletica tra le scuole valdarnesi) e si è aggiudicata due medaglie d'oro nelle finali regionali di Marina di Carrara.
 

 

I primi classificati alle finali regionali sono stati Atamah Emmanuel nel salto in lungo, mentre per la staffetta 4 x 100 hanno ottenuto il primo posto Atamah Emmanuel, Rossi Matteo, Tozzi Manuel e Staiano Antonio.

La premiazione dei campioni è avvenuta mercoledì mattina con il Dirigente scolastico Nicoletta Bellugi e il professore Luca Pianigiani, inisieme a tutti gli alunni del plesso di Bucine. Una particolare ovazone è stata dedicata dal pubblico al campione regionale Atamah, vincitore quest’anno di 6 ori (3 nel salto in lungo e 3 nella staffetta 4 x 100) al Finale Regionale, al Memorial Debolini e appunto alla Finale Regionale.

 

Applausi e standing ovation anche per gli altri studenti vincitori: gli staffettisti Staiano (vincitore anche di un argento ad Arezzo e oro al Debolini negli 80 metri), Rossi e Tozzi; i lanciatori del peso Pesucci Michele (argento ad Arezzo) e Ferroni Giulio; i saltatori in alto Guidelli Michele (Bronzo al Debolini) e Giardini Leonardo, gli ostacolisti Nichols Marco e Zangheri Adalberto, i mezzofondisti Nuti Tomas e Cosimo Becagli, il lanciatore del vortex Barbanera Pietro, il saltatore in lungo Beni Matteo.

"Al di là delle vittorie, la partecipazione ai campionati studenteschi, oltre a permettere l’approfondimento dei contenuti disciplinari della Scienze Motorie, si conferma un straordinario mezzo di socializzazione (tra gli alunni di classi e plessi diversi), di scoperta delle proprie potenzialità e di sviluppo delle autonomie".

 

Articoli correlati