08, Dicembre, 2022

Sottopassaggio della stazione impraticabile per una perdita d’acqua, partono le segnalazioni dei cittadini

Più lette

In Vetrina

Da una settimana una perdita d’acqua sta allagando il sottopassaggio della stazione ferroviaria di Montevarchi. Già segnalato al comune, che a sua volta ha avvisato Publiacqua, ancora però il guasto non è stato risolto

Da una settimana il sottopassaggio della stazione di Montevarchi è allagato da una perdita d'acqua, ma finora nessuno vi ha posto rimedio. E questo nonostante le segnalazioni dei cittadini e degli utenti della stazione, che sottolineano non solo lo spreco d'acqua, ma soprattutto la pericolosità della situazione.

Un cittadino ha segnalato il guasto direttamente al comune di Montevarchi cinque giorni fa: "Vi segnalo che nel sottopasso della stazione è evidente un copioso trafilamento di acqua che fuoriesce dal pavimento. Oltre a essere un dispendio, è pericoloso per gli utenti del sottopasso in quanto le scale sono estremamente scivolose". E il comune ha a sua volta informato Publiacqua. Fino ad oggi, però, nessuno è intervenuto. 

"Dopo circa una settimana dalla prima segnalazione – commenta il cittadino – la situazione non è mutata, anzi notevolmente poggiorata, tanto è vero che questa mattina le scale del sottopassa della stazione erano quasi impraticabili. E' una situazione incresciosa e paradosalle se paragonata alla campagna di sensibilizzazione sugli sprechi di acqua potabile, se poi mettiamo in campo il problema della carenza di acqua in alcune zone del nostro comune questo problema irrisolto diventa vergognoso. Non so di chi sia competenza risolvere quanto sopra, e non mi interessa, ma mi aspetto un celere intervento da parte delle autorità competenti".

Stessa segnalazione da parte di un'altra pendolare è apparsa anche sul profilo facebook del Comitato dei Pendolari del Valdarno: "Alla stazione di Montevarchi sono diversi giorni che scendere sulla prima rampa del sottopassaggio per andare al binario 2 o in via Sugherella è come guadare un fiume. Si è rotto un tubo? E allora chiamate chi di dovere per farlo aggiustare! Oppure è un invito ad iscriversi ad un corso di nuoto?". 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati