25, Settembre, 2022

Si spaccia per cancelliere di un Tribunale per vendere l’abbonamento ad una rivista inesistente

Più lette

In Vetrina

Il truffatore aveva convinto, con molta insistenza, un anziano di Levane a versare 400 euro per l’abbonamento ad una rivista di Forze di Polizia. L’uomo si è poi rivolto ai Carabinieri di Levane che sono riusciti a rintracciare il truffatore e denunciarlo. E a Montevarchi altre due denunce per truffa

I Carabinieri di Levane sono riusciti a rintracciare e denunciare l'autore di una truffa ai danni di un anziano levanese: il truffatore è stato denunciato in stato di libertà. Si tratta di un pregiudicato italiano che, telefonando insistentemente e con insistenza all'anziano, si era spacciato per un cancelliere del Tribunale di Milano incaricato di vendere un abbonamento triennale per una fantomatica rivista avente ad oggetto le forze di polizia, rivista in realtà inesistente. 

Con molta insistenza e numerosi tentativi, alla fine il truffatore era riuscito a superare la riluttanza dell’anziano che aveva sottoscritto questo inesistente abbonamento e pagato un bonifico al truffatore per la somma di 400 euro a titolo di primo pagamento annuale e di quota di iscrizione. Il truffatore, poi, era sparito nel nulla. 

A quel punto la vittima si è rivolta ai Carabinieri di Levane che hanno dato il via ad una serie di accertamenti che hanno permesso di rintracciare l'autore della trufa. L'uomo è stato denunciato per i reati di truffa ed usurpazione di funzioni pubbliche.

Sono numerose le richieste di abbonamenti tramite telefono, ma i Carabinieri ricordano che questa modalità non è adoperata da nessuna rivista ufficiale correlata alle forze di polizia, per cui è bene diffidare da tali comportamenti commerciali scorretti. 

Anche a Montevarchi i carabinieri hanno denunciato due persone, un uomo e una donna, entrambi disoccupati e con precedenti alle spalle, responsabili di una truffa online: tramite un falso annuncio con cui mettevano in vendita una macchina fotografica di ultima generazione ad un prezzo estremamente vantaggioso sulla sezione “market place” di facebook, i truffatori erano riusciti a farsi pagare da un cittadino di Montevarchi la somma di  559 euro, su una carta ricaricabile intestata alla donna. Dopo la denuncia ai Carabinieri da parte della vittima, i militari sono riusciti a individuare i colpevoli della truffa online. 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati