26, Giugno, 2022

“Resort Monticello”, via libera in Regione per il progetto targato Ferragamo. Stimati 350 nuovi posti di lavoro

Più lette

In Vetrina

Strutture turistiche ma anche recupero dell’attività agricola su un terreno, compreso fra i comuni di Loro e Terranuova, che si estende per un centinaio di ettari, oggi abbandonati o in rovina. Previsti 350 nuovi posti di lavoro a livello locale, considerando anche l’indotto. L’intesa, firmata dal presidente della Regione e dai Comuni con la Società “Il Borro srl” di proprietà della famiglia Ferragamo, lunedì sarà sottoscritta anche dalla Provincia

Si chiama "Resort Monticello" il progetto della famiglia Ferragamo per quell'area, ai margini del Borro e al confine tra i comuni di Terranuova e Loro, che si estende per un centinaio di ettari, oggi completamente abbandonati o in rovina. Un progetto che punta su agriturismo, enogastronomia, recupero dell'attività agricola, percorsi benessere e così via: non un semplice complesso turistico, insomma, ma un recupero a tutto tondo di Monticello. 

Sono stimati in 350 i posti di lavoro che si verranno a creare, contando anche l'indotto: una previsione contenuta nelle carte della progettazione, in cui si leggono altri dettagli del "Resort Monticello". La famiglia Ferragamo (che già oggi, nell'azienda "Il Borro, dà lavoro a una settantina di persone) si propone di completare gli interventi di riqualificazione della tenuta fatti in questi anni. In particolare, la realizzazione del Resort Monticello consentirà di riqualificare un territorio di oltre 1 milione di metri quadrati, abbandonato e inutilizzato, riportandone una parte all'attività agricola, nonché di recuperare edifici e annessi agricoli, per circa 8 mila metri quadrati di superficie utile, oggi in rovina.

Il complesso alberghiero che verrà così creato amplierà l'offerta ricettiva della zona, dando risposta ad una crescente domanda nei campi agrituristico, enogastronomico, di vacanza attiva e benessere, con il risultato di estendere la stagione turistica e creare nuovi posti di lavoro a livello locale. Fra le ricadute positive del progetto, c'è anche il rafforzamento del presidio del territorio dal punto di vista della tutela paesaggistica e ambientale: si prevede, ad esempio, di realizzare un complesso edilizio pilota, utilizzando tecniche ecocompatibili sia dal punto di vista edilizio che energetico.

Oggi, a Firenze, è stata siglata l'intesa tra Regione Toscana, comuni di Loro e Terranuova, e la società "Il Borro Srl", di proprietà della famiglia Ferragamo. Lunedì anche la Provincia sottoscriverà l'accordo. E queste firme danno il via libera definitivo al progetto, di cui si parla già dal 2011, e che ora è pronto per diventare realtà. L'impegno degli enti locali, dai comuni e su fino alla Regione, è di attivare un tavolo di coordinamento insieme all'investitore privato, in modo da facilitare e velocizzare la pianificazione in tutti i suoi aspetti, da quelli burocratici delle autorizzazioni a quelli urbanistici.

Da parte sua, la società il Borro si impegna, in un costante confronto con Regione ed enti locali, a sviluppare il progetto indirizzando l'intervento al recupero e alla tutela del patrimonio paesistico, privilegiando tecniche a basso impatto ambientale e puntando ad un ampliamento dell'occupazione.
 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati