06, Ottobre, 2022

Relazione di fine mandato, la Lista Civica al sindaco: “Era propaganda elettorale, restituisca i soldi”

Più lette

In Vetrina

La relazione, sotto forma di brochure, era stata distribuita ai cittadini di Castelfranco Piandiscò a fine mandato della scorsa Amministrazione, nel periodo antecedente le elezioni. L’Agcom, interpellata dalla Lista Civica, aveva definito quella pubblicazione “non impersonale né indispensabile”. Ora i consiglieri di opposizione chiedono al sindaco di ripagare di propria tasca

La Lista Civica di Castelfranco Piandiscò presenta al sindaco Enzo Cacioli il conto per quella Relazione di fine mandato che, a maggio scorso, fu censurata dall'Agcom per violazione di par condicio. La Relazione, in particolare sotto forma di brochure, era stata distribuita appunto alla fine del mandato della precedente amministrazione Cacioli, già in periodo di par condicio pre-elettorale perché a pochi giorni dal voto per le elezioni comunali. 

In quell'occasione era stata proprio la Lista Civica a sollevare obiezioni e rivolgersi all'Autorità Garante per le Comunicazioni, che rilevò effettivamente come quella pubblicazione non presentasse "i requisiti di indispensabilità e impersonalità" previsti dalla norma. "In particolare, non ricorre il requisito dell’impersonalità in quanto riporta il logo del Comune di Castelfranco Piandiscò e le foto del Sindaco e degli assessori comunali, né il requisito dell’indispensabilità ai fini dell’efficace assolvimento delle funzioni proprie dell’Ente". L'Agcom ordinò al comune di pubblicare sul sito internet una apposita comunicazione in merito

Ora la Lista Civica torna su quella vicenda con una mozione in cui si cita una sentenza della Corte dei Conti della Sardegna, intervenuta in un caso analogo, "affermando la sussistenza del danno erariale in capo al Sindaco per la pubblicità svolta, prima delle elezioni comunali, contenuta in un opuscolo informativo evidenziando la possibilità che sussiste la responsabilità amministrativa del Sindaco uscente" qualora "l’attività di comunicazione/propaganda non sia stata realizzata in qualità di privato cittadino partecipante a una competizione elettorale, ma in qualità di Sindaco “in quanto relazione di fine mandato“, ponendo i relativi costi di pubblicità e stampa a carico delle casse comunale". 

Per questi motivi i consiglieri Brunetti, Morbidelli e Gagliardi chiedono al sindaco di "volere versare nelle casse del Comune di Castelfranco Piandiscò  la somma complessiva di Euro 4.160,00 della Relazione di Fine Mandato poiché la stessa non attiene nella forma e nei contenuti ad una Relazione di Fine Mandato, ma trattasi semplicemente di un opuscolo informativo / comunicativo di propaganda elettorale, il cui costo complessivo è stato imputato a capitoli di spesa dello stesso Ente Comunale". La mozione sarà discussa all'ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale. 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati