28, Giugno, 2022

Aree di sosta per camper, arrivano i fondi della Regione anche per il progetto di Reggello a Vallombrosa

Più lette

In Vetrina

Con poco meno di 160mila euro, che si sommano ai 487mila già stanziati in precedenza, la giunta regionale scorre la graduatoria e finanzia tutti e venti i Comuni che avevano partecipato, con successo, al bando sulle area di sosta per camper ed autocaravan chiuso a marzo 2022. E così ottiene finanziamenti anche il comune di Reggello, che aveva presentato un progetto dal valore di 80mila euro per la realizzazione di una nuova area attrezzata destinata alla sosta di camper e autocaravan a Vallombrosa: il contributo regionale finanzierà metà della spesa prevista, quindi 40mila euro.

Per procedere al trasferimento delle risorse occorrerà però attendere l’approvazione dell’ultima variazione di bilancio. “Quattordici amministrazioni comunali avevano già ricevuto la certezza del finanziamento ad aprile – spiega l’assessore all’economia e al turismo, Leonardo Marras – Con le risorse aggiuntive messe ora a disposizione, anche le sei amministrazioni che erano finora rimaste in lista di attesa potranno contare sul contributo: un sostegno ad un segmento importante dell’offerta turistica toscana”.

I sei comuni che si aggiungono ai beneficiari del contributo sono appunto Reggello (40 mila euro), Vernio (20 mila), Montecatini in Val di Cecina (20 mila), Vinci (40 mila), Barberino di Mugello (10.750) e Greve in Chianti (19.977,5). Pontremoli si vedrà riconosciuti gli 8.143 euro che gli erano mancati al primo giro, visto che non c’erano risorse allora a sufficienza. I Comuni a cui il sostegno era già stato riconosciuto sono, in ordine di graduatoria, San Romano in Garfagnana (40 mila euro), Monticiano (40 mila), Cetona (40 mila), Gaiole in Chianti (40 mila), Civitella Paganico (40 mila), Sillano Giuncugnano (40 mila), Fivizzano (40 mila), Massa Marittima (20 mila), Montepulciano (40 mila), Careggine (20 mila), Seggiano (40 mila), Santa Luce (35.842), Chiusdino (20 mila) e Pontremoli (31.157 euro).

I finanziamenti sono rivolti a Comuni che al 31 dicembre 2020 contavano meno di ventimila abitanti, con punteggi premio per quelli ancora più piccoli al di sotto dei diecimila. Le aree di sosta da realizzare devono essere ‘green’, ovvero occupate per un quinto dello spazio da siepi ed alberature, con almeno cinque stalli di non meno 40 metri quadrati, e dotate delle classiche colonnine di ricarica e di aree di scarico a pavimento autopulente, senza cioè griglie o canali di scolo. Per beneficiare del contributo occorre che i lavori siano ultimati entro dicembre 2022.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati