14, Agosto, 2022

Piscina comunale, il Comitato per la difesa del parco urbano continua la battaglia contro il progetto

Più lette

In Vetrina

Il Comitato per la difesa e la valorizzazione del Parco Urbano Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa continua la propria battaglia contro il progetto della nuova piscina comunale del valore complessivo di 4 milioni e 600mila euro di cui 3 milioni coperti dai fondi del PNRR e lamenta il mancato coinvolgimento dello stesso Comitato e dei cittadini da parte dell’Amministrazione comunale di Figline Incisa.

“A più  di due mesi dalla nascita del comitato, a più di un mese dall’ iniziativa  organizzata presso il Centro Sociale il giardino ( nel corso della quale sono state presentate le ragioni, politiche  e giuridiche del ricorso  presentato al TAR contro la realizzazione del capannone con la piscina coperta che produrrebbe  la distruzione di una  buona parte del parco), alla quale hanno partecipato quasi 200 persone, ed a fronte di una imponente raccolta di firme alla quale hanno aderito oltre 800 donne e uomini di Figline e Incisa Valdarno (815 per la precisione, e la raccolta prosegue ancora con l’obiettivo di superare le 1000 adesioni), il governo cittadino non  ha assunto  nessuna iniziativa  per stabilire un contatto con il Comitato e  per promuovere  un confronto serio e costruttivo. Assenza di un confronto nonostante questo sostegno – ormai di massa -che l’ azione del comitato  ha ricevuto dall’ opinione pubblica; oltre alle firme raccolte si completa con una pagina facebook seguita da circa 500 follower e le adesioni al Comitato prossime a raggiungere quota 100 affiliazioni”.

“A conferma che il modo di agire di questa amministrazione comunale è volto al non   coinvolgimento  dei cittadini nella fasi di approvazione – di questo progetto come di altri – e delle conseguenze di certe scelte politiche.mSi tratta di un comportamento  inaccettabile, che non ha nulla  a che vedere con una prassi di partecipazione democratica, con la quale ci si sciacqua  la bocca ad ogni pie’ sospinto. Oramai i Comitati in questo comune nascono come funghi e la strategia politica pare sia quella di ignorare i continui disagi che la cittadinanza vive ogni giorno e che in gran parte derivano dalle scelte di questa amministrazione comunale”.

“Il comitato  continuerà la sua azione per coinvolgere fasce sempre più  ampie  della popolazione  in una battaglia  di semplice buon senso.  È  incredibile che mentre in tutto il mondo, per fronteggiare le terribili conseguenze  dei cambiamenti  climatici, si invoca la piantumazione di miliardi  di alberi, a Figline e Incisa Valdarno  si decida, alla chetichella, di farne fuori parecchie decine e cementificare l’area. E soprattutto non deve prevalere il principio che con i soldi del PNRR, (che sono soldi pubblici) si debba fare quello che si vuole, come si vuole e dove si vuole  per il semplice motivo che arrivano i finanziamenti, con la scusa di rigenerare aree che non ne hanno assolutamente bisogno”.

“Il Comitato è a conoscenza che il TAR della Puglia ha sospeso la realizzazione di un progetto  contestato da un Comitato locale per ragioni che sono la fotocopia di quelle evidenziare nel ricorso presentato al TAR della Toscana e sul quale il tribunale  si pronuncerà in ottobre. Il Comitato infine puntualizza che non ha nessuna intenzione di abbandonare l’azione intrapresa ed è determinato a utilizzare ogni grado di giudizio, forte delle ragioni esposte nel ricorso e supportato dall’ enorme sostegno dell’opinione pubblica, che travalica ampiamente i numeri sopraesposti. A settembre riprenderanno gli incontri sull’ utilità delle aree verdi nel tessuto urbano e la loro tutela e valorizzazione”.

Articoli correlati