16, Agosto, 2022

Parte il primo corso di “Olionostrum”, al via il progetto per promuovere un olio di qualità

Più lette

In Vetrina

Il corso partirà domani 22 settembre dalla volontà di Anci Toscana e del Comune di Bucine

Parte domani martedì 22 settembre il primo corso di  "Olionostrum", un progetto innovativo che nasce dalla volontà di Anci Toscana e del Comune di Bucine di promuovere un olio EVO di qualità. Obiettivo del progetto è mettere a punto un frantoio innovativo, che accresca la redditività dell'olivicoltura, la qualità dell'olio e la professionalità degli operatori; il progetto è finanziato dalla Regione Toscana con i fondi PSR 2014-2020 e vede la collaborazione dell'Università di Firenze e due aziende agricole del territorio. 

"Olionostrum – spiega il sindaco di Bucine Nicola Benini – si pone l’obiettivo di realizzare un prototipo di impianto di estrazione in grado di ottenere un olio EVO di eccellente qualità, attraverso soluzioni impiantistiche innovative la cui tecnologia non si trova attualmente sul mercato. È un progetto che nasce dalla volontà del Comune di Bucine di tutelare la biodiversità olivicola della Valdambra e del Valdarno; ma i corsi sono aperti a tutti gli operatori della Toscana, per la valorizzazione del territorio come risorsa di sviluppo locale".
 
I corsi sono destinati a imprenditori agricoli, titolari di imprese forestali, personale di Comuni, Enti Parco a enti gestori dei siti della Rete Natura 2000, che abbiano sede legale e/o almeno una sede operativa o unità locale in Toscana. "Spesso un olio è ritenuto buono se presenta i sapori e gli odori 'tradizionali', ma che sovente presentano difetti che porterebbero ad una declassificazione dell’olio – conclude il primo cittadino – Il saper riconoscere la qualità dell’olio è importantissimo per la crescita culturale di tutti gli olivicoltori e degli addetti ai frantoi."

Articoli correlati