26, Ottobre, 2021

OZz: lo spettacolo teatrale interattivo con oltre 650 alunni in streaming

spot_img

Più lette

La lavagna multimediale diventa un palcoscenico sul quale gli attori sono guidati dagli studenti: la produzione digitale di KanterStrasse arriva nelle scuole di Figline e Incisa Valdarno

Oltre 650 alunni delle scuole di Figline e Incisa Valdarno hanno assistito a “OZz”, lo spettacolo di teatro digitale e interattivo della compagnia KanterStrasse. Come farà la piccola Dorothy a raggiungere il grande Mago di Oz? E che fare con quello strano uomo di latta: accettare la sua compagnia o prendere un’altra strada? A scegliere il finale di questa storia sono stati gli alunni. 

L’aula è diventata una sala teatrale, e la Lim (la lavagna interattiva multimediale) si è trasformata nel palcoscenico di questa mini-tournée di tre giorni, dal 14 al 16 aprile, che ha coinvolto 31 classi delle primarie e secondarie degli Istituti comprensivi di Figline Incisa Valdarno. OZz è uno spettacolo prodotto da KanterStrasse e Straligut Teatro con la collaborazione di Blanket Studio e il contributo di Comune di Figline e Incisa Valdarno, Regione Toscana e Publiacqua spa, per la regia di Simone Martini e Lorenzo Donnini, con Elisa Vitiello, Simone Martini e Alessio Martinoli.

OZz è il primo esperimento di teatro digitale della compagnia valdarnese KanterStrasse. Lo spettacolo è una rilettura contemporanea e stralunata del celebre romanzo “Il meraviglioso mago di Oz” di Lyman Frank Baum, che racconta le avventure di Dorothy, una ragazza del Kansas che improvvisamente, trasportata da un ciclone, si ritrova in un magico e sconosciuto mondo pieno di personaggi improbabili. Per tornare a casa dovrà superare numerose prove e cavarsela nei suoi incontri con creature fantastiche. Come compagni di viaggio avrà uno spaventapasseri senza cervello, un uomo di latta senza cuore e un leone fifone.

Quello che succede, però, lo decide il pubblico. Lo spettacolo viene infatti fruito da uno schermo – ed è quindi adatto anche alle lavagne multimediali presenti nelle classi – e gli spettatori assistono allo streaming in diretta come in un grande teatro virtuale. Da lì sono chiamati a decidere di volta in volta cosa vogliono veder succedere: si può scegliere che il protagonista faccia un’azione al posto di un’altra, di seguire la trama originale, interagire con un personaggio o addirittura dare una sbirciata dietro le quinte per scoprire qualche piccolo segreto della messa in scena. “Non è teatro, non è cinema, non è un videogame”, recita il video promozionale di OZz. Ma, in fondo, è un po’ di tutti e tre.

Nato per esser portato in scena nei teatri, il perdurare della pandemia ha poi spinto la produzione a tentare per la prima volta questo esperimento, realizzando un video interattivo ambientato in alcuni dei luoghi simbolo del Valdarno, come le balze, le foreste di Vallombrosa e il Teatro Garibaldi di Figline. Proprio in collaborazione con il Teatro Garibaldi, nello scorso dicembre OZz era stato trasmesso gratuitamente sul sito del Comune di Figline e Incisa Valdarno.

“Cosa c’è di più magico, per un bambino, che assistere a una grande fiaba rappresentata a teatro? Eppure, da oltre un anno, la pandemia costringe i nostri ragazzi e tutti noi a rinunciare a questi momenti, mentre i teatri, a partire dal nostro Garibaldi, sono sempre chiusi. Abbiamo deciso allora di portare il teatro nelle scuole con “OZz”, un progetto davvero innovativo e contemporaneo che il Comune di Figline e Incisa Valdarno ha sostenuto fin dalla nascita. Una produzione valdarnese, ambientata nel nostro territorio, che per qualche ora ha fatto vivere l’emozione del teatro ai più piccoli, come nel dicembre scorso era successo con i concittadini “grandi”. Augurandoci che presto si possa tornare a sedersi nelle sale in tutta sicurezza”, spiega l'assessore alla Cultura Francesca Farini.

Articoli correlati