28, Settembre, 2022

“Overload” vince il premio Ubu come miglior spettacolo della stagione. Tra gli attori la montevarchina Lorenza Guerrini

Più lette

In Vetrina

L’inizio dell’anno premia la compagnia “Sotterraneo” con uno dei riconoscimenti più importanti del teatro italiano. E fra i componenti c’è anche l’attrice montevarchina Lorenza Guerrini, che racconta la sua esperienza

A vincere il premio Ubu come miglior spettacolo della stagione 2017/2018 è "Overload", un riconoscimento importante per un ipertesto teatrale che si sofferma sull'ecologia dell'attenzione: ideato dalla compagnia Sotterraneo, lo spettacolo ha girato diversi paesi europei e vede tra i suoi interpreti Lorenza Guerrini, attrice di Montevarchi facente parte del gruppo teatrale insignito del premio. Qui il trailer dello spettacolo

"Seguivo con passione il lavoro della compagnia, prima di entrare a farne parte – racconta Guerrini – il loro linguaggio che riesce a unire elementi pop alle riflessioni più acute, sempre con una smaccata ironia e una disarmante lucidità, mi hanno subito fatto innamorare di loro. Così, dopo un'audizione in cui ho parlato della mia passione per i film horror è nata un'intesa che mi ha portato ad entrare a far parte del cast e della loro produzione; un percorso che negli ultimi anni mi ha dato la possibilità di crescere molto professionalmente ed umanamente. Avere l'opportunità di viaggiare, conoscere nuove realtà, mettermi alla prova come performer è stato incredibile."

 

 

"Siamo, e sono, orgogliosa del premio ottenuto dal nostro spettacolo – continua la giovane attrice – per molti, ciò ha un significato ben più profondo: dare un simile riconoscimento ad una compagnia di ricerca come Sotterraneo, che ha segnato negli anni un nuovo modo di fare teatro e un punto di riferimento per un'intera generazione, lontana dalle grandi produzioni ma che si basa sul sostegno di festival, centri di produzione e di residenza, potrebbe segnare una svolta per il teatro italiano."

"Parlando del futuro – conclude Guerrini – impiegherò tutte le energie a disposizione per questo lavoro, sperando, non solo che mi sia data l'opportunità di crescere artisticamente e professionalmente, ma che la realtà riservi sorprese per quella fetta di mondo che chiamiamo giovani e dando più spazio alla cultura. Nel frattempo, a proposito di diffusione della cultura teatrale e in modo particolare i linguaggi del contemporaneo, nei prossimi mesi lavorerò con la compagnia Kanterstrasse, impegnata da tempo proprio sul nostro territorio nell'ambito della promozione con la sua stagione teatrale e il festival Diffusioni."

 

Articoli correlati