28, Settembre, 2021

Nuovo anno scolastico: la Metrocittà presenta il piano per il Tpl. Corse aggiuntive anche in Valdarno fiorentino

spot_img

Più lette

Sono 36 gli autobus aggiuntivi per il trasporto pubblico extraurbano introdotti dalla Città Metropolitana di Firenze nel piano per la ripresa della scuola: insieme ai nuovi mezzi sull’extaurbano (alcuni dei quali riguardano anche il Valdarno fiorentino), c’è anche il potenziamento del servizio urbano, 39 addetti al controllo e 10 facilitatori aziendali, per garantire una capienza massima dei mezzi all’80%. Tutto elaborato dalla Città Metropolitana di Firenze, con l’Osservatorio dei Trasporti pubblici locali, che opera in coordinamento con Regione, Prefettura, Aziende, Provveditorato e istituti scolastici.

Visto che le indicazioni sono analoghe a quelle dello scorso anno per il Tpl, è stato preso a riferimento il monitoraggio delle corse dei 25 mezzi aggiuntivi che furono inseriti nel periodo settembre – dicembre 2020, per verificare se fossero sufficienti a soddisfare le esigenze dell’utenza in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico. Dall’analisi dei monitoraggi dell’anno passato si sono evidenziate alcune criticità che, a seguito di un confronto con le aziende del trasporto pubblico locale, hanno determinato la necessità di inserire ulteriori mezzi aggiuntivi rispetto ai 25 autobus extraurbani previsti a settembre 2020. Quest’anno, dunque, con l’inizio della scuola ci saranno sulle strade extraurbane della Metrocittà 36 mezzi aggiuntivi sul servizio extraurbano, 11 in più rispetto a settembre 2020.

Di questi, una parte riguardano anche il Valdarno fiorentino: quelli che coprono l’area di Reggello (lotto debole) sono di Colbus, mentre quelli che collegano il fondovalle, quindi Figline con gli istituti superiori del Valdarno aretino, sono invece di OneScarl. In questo grafico sono elencati tutti gli autobus aggiuntivi introdotti dal 15 settembre.  Il piano comunque potrebbe essere soggetto a modifiche in seguito alla comunicazione degli orari degli istituti scolastici superiori o all’emergere di nuove esigenze.

Tutta la situazione viene monitorata costantemente dall’Osservatorio dei Trasporti Pubblici Locali della Città Metropolitana di Firenze, che svolge un ruolo di supervisione e coordinamento delle linee di trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano. Il controllo della gestione e monitoraggio del Tpl si svolge in stretto contatto con la Regione Toscana, con le aziende di trasporto pubblico e con la Prefettura che ha aggiornato, per la ripresa delle attività scolastiche, il relativo documento operativo, in condivisione con gli altri attori istituzionali del tavolo di coordinamento Scuola-Tpl. Gli uffici della Città Metropolitana di Firenze inoltre, raccolgono le segnalazioni degli utenti direttamente o tramite il portale della Regione Toscana, per monitorare il servizio e intraprendere azioni dirette o indirette atte a soddisfare le richieste degli utenti.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati