07, Ottobre, 2022

Nuova strage di pecore in Val d’Ascione, la denuncia di Coldiretti che chiede interventi in difesa degli allevatori

Più lette

In Vetrina

Un nuovo attacco dei lupi, questa volta anche di mattina. E negli ultimi giorni altre 11 pecore uccise e 2 disperse. La denuncia è dell’Azienda Agricola Edigio Marcia in località Ascione a Terranuova Bracciolini.

Gli attacchi – spiega Marcia – sono avvenuti anche in pieno giorno, l’ultimo questa mattina mentre le pecore erano al pascolo. Il mio gregge negli ultimi anni è stato più che decimato, si aggirano intorno al centinaio gli animali che ho perso a causa delle aggressioni, questa volta era un branco di lupi perché l’attacco è stato veramente importante”.

La paura di Marcia è anche per la sicurezza personale e dei propri familiari. “Abbiamo avuto attacchi – continua l’allevatore – a pochi metri dalla nostra abitazione dove abbiamo l’azienda, ogni giorno speriamo che sia un giorno nuovo, purtroppo però siamo vittime anche noi, come i nostri animali del predatore, le pecore rimaste tra l’altro vivono in una situazione di shock che comprometterà anche la produzione di latte e quindi il rallentarsi della nostra filiera e la mancanza di alcuni dei nostri prodotti nei mercati di Campagna Amica che facciamo settimanalmente da anni”.

A pochi passi dalla casa di Edigio restano le carcasse degli animali dilaniati, le immagini parlano chiaro, non è più una situazione che può essere sottovalutata per il bene dell’azienda e per la sicurezza di chi la abita e di chi la frequenta, rilancia Coldiretti.

L’allarme è rosso per i nostri imprenditori – spiega Coldiretti – le aziende sono in forte difficoltà e stanno facendo sforzi enormi per restare in piedi. Il caso di Marcia è uno, ma nella provincia sono presenti altri allevatori nelle stesse condizioni. Serve un vero e serio impegno delle Istituzioni per arrivare alla definizione di un Piano nazionale che guardi a quello che hanno fatto altri Paesi UE come Francia e Svizzera per la difesa dal lupo degli agricoltori e degli animali allevati. Il rischio vero oggi è – prosegue l’associazione aretina – la scomparsa della presenza dell’uomo dalle montagne e dalle aree interne per l’abbandono di tantissime famiglie ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane di mucche, capre e pecore. Quello che chiediamo è la massima responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le montagne e a garantire la bellezza ricordando che quando chiude un allevamento non chiude solo una impresa ma un presidio del territorio che tutela il paesaggio e la tradizione pastorizia”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati