26, Settembre, 2022

Mensa, niente rincari: il comune si fa carico dei maggiori costi anti-covid. Accordo con i comuni vicini per tariffe omogenee

Più lette

In Vetrina

Da oggi 27 agosto aperte le iscrizioni al servizio mensa nel comune di Figline e Inicsa. Accordo con Greve, Reggello e San Giovanni per andare incontro alle esigenze di chi risiede nelle frazioni di confine

Le tariffe della mensa scolastica a Figline e Incisa resteranno invariate per le famiglie anche quest'anno scolastico: il Comune, infatti, si farà carico dei maggiori costi dovuti alla necessità di organizzare il servizio secondo le disposizioni anti Covid per un importo di circa 140 mila euro.

Non è l'unica buona notizia per le famiglie. Sempre riguardo alle tariffe, infatti, attraverso la firma di apposite convenzioni il Comune di Figline e Incisa ha ufficializzato una collaborazione con i comuni limitrofi di San Giovanni, Greve in Chianti e Reggello che punta ad uniformare le tariffe del servizio ristorazione scolastica, ed evitare quindi disparità di trattamento nel pagamento delle relative tariffe tra residenti e non residenti: un accordo per chi vive nelle frazioni di confine ma che, per ragioni di prossimità territoriale, non frequenta le scuole del proprio comune di residenza.  

Nel dettaglio, l’accordo siglato con San Giovanni riguarda solo i residenti a Ponte alle Forche e Porcellino, quello con Reggello solo i residenti a Matassino e a Cetina, mentre quello con Greve in Chianti riguarda solo i cittadini di San Polo in Chianti e di Ponte agli Stolli. Grazie alle convenzioni appena firmate quindi, a partire da settembre, i genitori degli alunni delle scuole Primarie e dell’Infanzia faranno riferimento alle “tariffe residenti” del Comune in cui il servizio viene erogato. La differenza di costi tra tariffa dovuta e tariffa effettivamente pagata sarà versata, a titolo compensativo, dal comune di residenza. Anche in caso di esoneri, totali o parziali, sarà compito del Comune di residenza corrispondere il relativo importo al Comune in cui il servizio viene fruito. Le convenzioni avranno validità per i prossimi tre anni scolastici. 

“L’idea è nata durante una seduta congiunta tra la nostra Giunta e quella di Reggello – spiegano la sindaca Mugnai e l’assessore all’Istruzione di Figline e Incisa, Francesca Farini – e il nostro Comune ha quindi pensato di proporla anche a Greve in Chianti e a San Giovanni. A partire da settembre, quindi, le famiglie che vivono nei territori di confine, e che per comodità iscrivono i propri figli nelle scuole in comuni diversi da quelli di residenza, non dovranno più far riferimento alle tariffe non residenti per il servizio mensa ma avranno uguale trattamento in termini tariffari. In accordo con gli altri Comuni aderenti, ci sembrava una scelta doverosa, per andare incontro alle esigenze delle famiglie, evitando loro costi aggiuntivi e disparità di trattamento economico".

"Abbiamo accolto e condiviso con piacere la proposta di Figline e Incisa –  dichiara la sindaca di San Giovanni, Valentina Vadi – per regolamentare e mettere in atto criteri di equità nel pagamento delle mense scolastiche per chi vive nelle immediate vicinanze dei nostri confini municipali. I contenuti di questa convenzione, almeno per quanto riguarda il Comune di San Giovanni, vanno incontro alle richieste e alle sollecitazioni legittime che da tempo provengono dai cittadini del Ponte alle Forche e Porcellino che, pur formalmente residenti nel Comune di Figline e Incisa, mandano i loro bambini a scuola nel nostro Comune per ragioni di prossimità territoriale. Durante il dibattimento in Consiglio Comunale è emersa l'esigenza che convenzioni analoghe possano essere sottoscritte anche con altri Comuni limitrofi al nostro per i quali si presentano situazioni simili: penso, ad esempio, ai cittadini che vivono alle Ville e sono residenti nel Comune di Terranuova e mandano i loro bambini a scuola al Doccio a San Giovanni, pertanto ci siamo presi l'impegno di continuare in questa direzione".

"È una grande soddisfazione aver raggiunto tutti insieme questo bel risultato per il nostro territorio – ha detto Adele Bartolini, assessore alla cultura di Reggello – la nostra priorità è e resterà sempre quella di semplificare la vita dei nostri cittadini e questa scelta volge in tal senso". 

A Figline e Incisa intanto si sono aperte proprio oggi le iscrizioni alla mensa: dal 27 agosto al 25 settembre gli alunni iscritti al primo anno di ogni ciclo scolastico dovranno presentare esclusivamente online la domanda all’indirizzo: www2eticasoluzioni.com/figlineincisavaldarnoportalegen. Anche tutti coloro che desiderano richiedere l’agevolazione tariffaria sulla base dell’Isee dovranno riformulare l’iscrizione online. Dal 2 al 25 settembre sarà effettuata l’apertura straordinaria degli sportelli per le iscrizioni alla mensa: a causa dell’emergenza sanitaria è però possibile recarsi allo sportello solo su appuntamento prenotando al 3402201907 oppure via email a ristorazionescolasticafiv@elior.it.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati