30, Giugno, 2022

Matrimoni civili anche in ville e strutture ricettive, via libera dal comune di Montevarchi

Più lette

In Vetrina

Così come già accade in altri comuni valdarnesi, ville e dimore storiche, ma anche attività ricettive di pregio, potranno ‘accreditarsi’ per ospitare la celebrazione di matrimoni con rito civile. Il sindaco Chiassai Martini: “Valorizziamo il patrimonio locale”

Pubblicato l’avviso di manifestazione di interesse per celebrare matrimoni e unioni con rito civile anche fuori dagli edifici comunali di Montevarchi. La Giunta Chiassai Martini ha deciso infatti di estendere questa possibilità, oltre alle sedi comunali, anche a strutture ricettive, edifici, ville di particolare valore storico, architettonico, ambientale o artistico che risultino idonei ai fini delle celebrazioni: una possibilità che altri comuni del Valdarno hanno già deciso di offrire alle coppie.

"La ricercata sinergia tra pubblico e privato ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio locale e di sostenere la promozione turistica del territorio – spiega il Sindaco –  abbiamo spazi magnifici, strategicamente vicini ai centri d’arte più importanti della regione e siamo portatori di una lunga esperienza di ospitalità e di professionalità  che vogliamo favorire mettendo al servizio di coloro i quali decideranno di festeggiare il loro giorno più bello tra paesaggi, edifici, tipicità apprezzate in tutto il mondo e di cui dobbiamo essere fieri". 

Tecnicamente, i luoghi che si 'accreditano' diventeranno temporaneamente sedi distaccate di Stato civile. "Luoghi suggestivi di Montevarchi potranno diventare, secondo normativa, uffici separati di Stato civile per la celebrazione di matrimoni o costituzione di unioni civili limitatamente al tempo di svolgimento della funzione. Abbiamo mantenuto un ulteriore impegno, preso in occasione della presentazione ufficiale del nuovo portale turistico del Comune di continuare a promuovere le nostre bellezze sempre in stretta collaborazione con operatori e cittadini stimolando attivamente la partecipazione alla valorizzazione della città e del territorio".

Le strutture saranno individuate a seguito della manifestazione di interesse dei privati e la verifica della sussistenza dei requisiti in capo a ogni singolo richiedente. Si procederà poi, dopo la verifica istruttoria, alla stipula di un contratto di comodato d’uso gratuito della durata di tre anni, in favore del Comune di Montevarchi, per il locale o luogo adibito alle celebrazioni di matrimoni o unioni davanti all’Ufficiale di Stato civile. Le manifestazioni d’interesse dovranno pervenire agli uffici comunali entro sabato 10 novembre 2018.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati