25, Giugno, 2024

La riflessione di Ricci: “Coerenti, liberi e chiari, pronti con gli interventi prioritari”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Una lunga riflessione di Ricci sugli interventi prioritari, i valori della propria coalizione e anche un confronto su programma e modalità di attuazione della sfidante in vista del ballottaggio di domenica 19 giugno

“Coerenza, chiarezza, esperienza. Con questi valori siamo convinti di poter vincere domenica al ballottaggio, continuando a sostenere quell’appello e quell’apertura, dichiarati nella mia lettera della scorsa settimana, a tutti gli elettori di centrosinistra che si riconoscono nei nostri valori e nel nostro programma”. A sei giorni dal ballottaggio decisivo per l’amministrazione del comune di Montevarchi, Paolo Ricci fa il punto su idee, programmi e prospettive.
 
Affiancato dai tre capilista Bertini, Camiciottoli e Nardi, Ricci ha aperto la conferenza stampa sottolineando la contrapposizione politica tra la sua coalizione e quella della candidata Chiassai, basata su un programma e una modalità di attuazione diversi. “Noi rappresentiamo un campo d’azione largo e maggioritario da sempre in città, con alla base valori di solidarietà, inclusione sociale e partecipazione, che vuole innovare le politiche pubbliche della città” – prosegue Ricci – “Rimane ancora poco comprensibile la decantata candidatura civica di Chiassai quando a suo sostegno ci sono partiti di destra e centrodestra che hanno contribuito in modo determinante”. Ricci ha sottolineato quanto la campagna della sfidante negli ultimi giorni si basi su messaggi di paura, di una città divisa, pericolosa e con servizi sanitari a rischio: “Soprattutto sui social e con una campagna di denigrazione che non ha niente a che vedere con la scelta del nuovo sindaco. Per combattere la paura sono necessarie risposte convincenti e dalla loro parte non sono pervenute”.
 
Una riflessione legata alla coerenza per aver riconfermato il non apparentamento con Montevarchi Democratica, perché sarebbe stato un “accordo di potere per la spartizione delle poltrone, l’esatto contrario di quello che vogliamo essere. Intendo continuare a sostenere quell’appello e apertura a tutti elettori centrosinistra che si riconoscono in noi: c’è la possibilità di intercettare un ampio consenso e quindi ci appelliamo a tutti i montevarchini per una scelta con serenità valutando il bene per il futuro della città. E riteniamo che la nostra sia la proposta politica, programmatica e amministrativa migliore, per proseguire l’azione di buon governo del centrosinistra”.
 
La riflessione di Ricci ha interessato gli interventi principali e urgenti che “abbiamo la consapevolezza di essere in grado di attivare da subito, per portarli avanti e realizzarli, concreti e immediati”. Tra questi la vigilanza e il miglioramento dei servizi sanitari e delle liste di attesa; i servizi pubblici locali per i rapporti con i gestori di acqua, luce e gas, oltre a un’analisi sul servizio della differenziata; interventi per il decoro urbano e il dialogo con le frazioni. “Poi il progetto della frana di Ricasoli: per attingere alle risorse stanziate è necessario avere entro l’autunno il progetto esecutivo: sarà una delle nostre priorità attivare l’ufficio tecnico immediatamente”. 
Ricci ha parlato anche di revisione del piano regolatore (adesso piano operativo), di sinergia con gli altri comuni e le grandi e piccole imprese del territorio, di sviluppo della nuova arteria viaria con il ponte Leonardo per collegare zone meno servite. Al centro anche il sociale e problemi abitativi con la collaborazione delle associazioni; la necessità di un’offerta unica dal punto di vista culturale; gli investimenti sugli impianti sportivi.
 
Infine il punto sull’ipotetica giunta in caso di vittoria: “I nomi non ci sono, ma abbiamo già i criteri da seguire per un gruppo giovane, motivato, competente, nel rispetto delle parità di genere, di rappresentanza, riconoscibilità sul territorio. Sono orgoglioso di rappresentare una coalizione di centrosinistra con tre liste a mio sostegno che hanno impegnato molte persone durante la campagna elettorale e con quella per il ballottaggio impostata sul contatto diretto e incontri con i cittadini, i quartieri, le associazioni. Per spiegare alla gente il nostro programma e perché è importante votare per noi”.
 
La parola al termine ai rappresentanti delle tre liste sostenitrici: Bertini ha sottolineato il concetto di vicinanza costante ai cittadini per ascolto e risoluzione di problemi, parlando anche dei punti di forza già dimostrati dal comune per scuole e sociale da proseguire e migliorare, mentre Camiciottoli ha ribadito l’analisi sui messaggi di insicurezza della sfidante, la possibilità di volti ormai noti nell'eventuale giunta avversaria e la difesa del cittadino. Infine la riflessione di Nardi sul percorso del centrosinistra sempre alla luce del sole, nonostante le difficoltà e le polemiche emerse, oltre al principio di coerenza e trasparenza del candidato Ricci, con il suo impegno a ricompattare il centrosinistra non con la suddivisone delle poltrone, ma con il tempo attraverso un percorso politico di contenuti.
 

Articoli correlati