06, Febbraio, 2023

La piccola Thalia sta bene ma ha ancora bisogno dell’aiuto di tutti

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Tra circa un anno è previsto dopo i tre già effettuati il prossimo intervento per l’allungamento di femore e perone

Il suo sorriso smagliante e i suoi occhi sorridenti e intelligenti hanno tenuto per nove mesi con il fiato sospeso tutto il Valdarno. Ogni notizia che arrivava dalla Florida, grazie a mamma Valeria, donna forte e piena di energia, ha rallegrato tutti coloro che seguivano la pagina facebook aperta per l'occasione. Da Marzo Thalia è tornata a casa dopo tre interventi, sta bene, ma avrà ancora bisogno di tutti perchè il prossimo anno dovrà tornare al Paley Institute per sottoporsi ad un altro intervento, quello per l'allungamento di femore e perone.

Scrive mamma Valeria: "Thalia è molto più serena da quando siamo tornate in Italia ed è fondamentale che questo anno sia per lei il più tranquillo e normale possibile in vista dell’intervento del prossimo anno. Abbiamo infatti in programma di tornare in Florida per affrontare l’allungamento tra un anno, alla fine del 2021. Per poter affrontare le spese che avremo il prossimo anno faremo via via delle piccole campagne, e se vorrete sostenerle e condividerle ci farà un immenso piacere".

La storia di questa piccola combattente inizia il 17 febbraio 2017 quando nasce all'ospedale di Careggi con malformazioni congenite impoirtanti.  La più visibile è quella alla gamba sinistra: Thalia ha un’emimelia tibiale con assenza della tibia e una biforcazione del femore. Durante gli accertamenti la bambina subisce un arresto respiratorio e viene intubata. I medici scoprono così che ha anche  un’altra malformazione che riguarda il tratto esofageo: il suo esofago è interrotto e non è quindi in grado di deglutire. Viene operata d'urgenza al Meyer e rimane in terapia intensiva per 45 giorni. Ma viene fuori un'altra malformazione: una stenosi della parte finale della trachea e di uno dei bronchi.

Le sofferenze per la piccola Thalia non finiscono qui: le viene diagnisticata anche la disfagia e quindi ogni volta che si alimenta per bocca una parte del liquido viene inalato nei polmoni. Deve quindi essere nutrita esclusivamente via sondino e le prove di alimentazione per via orale vengono sospese. Viene sottoposta ad un secondo intervento sempre al Meyer ed a 18 mesi inizia piano piano ad alimentarsi per bocca.

Nel 2018 inizia la lunga trafila per la gamba: visite, risonanze e la decisione di farla operare in Florida dal dottor Paley, un luminare nel settore, secondo il quale "la ricostruzione è difficile ma decisamente possibile". 

Scrive la mamma di Thalia: "Con l’aiuto di tante persone, istituzioni e associazioni che si sono messe in moto sul nostro territorio Thalia è stata operata a giugno 2019 al Paley institute in Florida. Il percorso di ricostruzione con fissatore esterno è durato in tutto 9 mesi, 3 sono stati gli interventi in America con i quali è stata fatta un’ampia ricostruzione di femore, ginocchio e caviglia. Il costo totale dei 3 interventi e la fisioterapia è stato di 321.000 dollari americani. Una buona parte delle spese mediche sono coperte dal servizio sanitario. Adesso Thalia può finalmente camminare, è indipendente e addirittura corre. Tutto ciò lo può fare con l’aiuto di un tutore e una scarpa rialzata. La differenza tra i due arti al momento è di 10 centimetri".

"Tra circa un anno, verso la fine del 2021, affronteremo il primo allungamento di femore e perone, sempre al Paley Institute in Florida. Il preventivo comprensivo di tutto, 2 interventi e fisioterapia, è di 182.000 dollari. È un percorso lungo e tortuoso fino al suo completo sviluppo, lo sapevamo fin dall’inizio, il dott. Paley pensa che Thalia avrà bisogno di minimo 2 allungamenti, dipenderà tutto dalla crescita. Noi nel frattempo procediamo come abbiamo sempre fatto, un passo alla volta.  Grazie a tutte le persone che ci supportano, a chi ci ha dato una mano fino ad adesso nel poter dare questa possibilità a Thalia, a chi c’è sempre stato per lei e a chi continuerà ad esserci. 'A forza di farcela, ce la facciamo' ". (Tutta la storia sulla pagina Facebook Insieme per Thalia)

Thalia, questa splendida bambina che ha già sopportato a soli tre anni molta sofferenza, dovrà, dunque, affrontare un altro intervento. La speranza è che, ancora una volta, i valdarnesi, che hanno sempre dimostrato solidearietò e generosità, possano continuare ad aiutarla.

Per chi vuole contribuire: 
IBAN: IT98R0311171540000000001242
Intestatario: INSIEME PER THALIA

PAYPAL: valeria.pellegrini@ymail.com
POSTEPAY:
IT73F3608105138219603719612
Intestatario: Valeria Pellegrini
PLLVLR89L71F656J

Articoli correlati