15, Agosto, 2022

L’ Ambasciatore Paralimpico Matteo Betti ospite del Panathlon Club Valdarno Superiore

Più lette

In Vetrina

Il Panathlon Club Valdarno Superiore, presieduto da Siro Pasquini, ha dedicato una serata al pluripremiato campione senese Matteo Betti, che si avvia a qualificarsi alla sua quinta paralimpiade consecutiva.

L’occasione per raccontare ancora l’incredibile storia di questo ragazzo di quasi 37 anni è stata la bella biografia “Un tiro mancino”,  scritta dalla giornalista Giovanna Romano con titolo geniale ideato dalla moglie Giada. Il libro riporta indietro alla nascita di Matteo, quando un’emiparesi destra segnò la sua vita ma anche la sua attività di schermitore con la nazionale paralimpica, dove appunto tira di mancino,

Con un paziente lavoro di interviste a familiari, amici, tecnici e colleghi, l’autrice ci porta nel mondo di Matteo, da quando a cinque anni cominciò a tirare di scherma, prima in piedi e poi in carrozzina, passando per le tante avventure sportive, ma anche con un sguardo alla vita privata. Una bella storia di sport, in parte ancora da scrivere, dove la scherma va di pari passo con la vita di Matteo, con l’arrivo in nazionale nel 2006 e la conquista del bronzo individuale nel 2012 alle Paralimpiadi di Londra nella spada, ma anche con i tanti risultati nei Mondiali, dove ha conquistato un oro, quattro argenti e tre bronzi,  fino alla nomina di Ambasciatore Paralimpico.

Articoli correlati