25, Giugno, 2022

Grande entusiasmo alla scuola Giovanni XXIII per la tappa del “Play Energy Enel”

Più lette

In Vetrina

Il concorso ludico didattico sui temi dell’energia e delle rinnovabili che Enel promuove nelle scuole d’Italia e del mondo ha fatto tappa nella scuola secondaria di primo grado di Terranuova. Visita in classe del tutor Enel Marco Sacchetti

La tappa di Play Energy Enel, il concorso ludico didattico sui temi dell’energia e delle rinnovabili che Enel promuove nelle scuole d’Italia e del mondo, si è fermata alla Scuola secondaria di primo grado Giovanni XXIII di Terranuova.

Gli studenti delle classi terze sezioni A e B, nella fase di lancio della nuova edizione 2014, hanno ricevuto la visita in classe del Tutor Enel e hanno partecipato alla lezione speciale dal titolo “Fonti rinnovabili e non rinnovabili, centrali, innovazione e territorio”.

Il tutor Enel, Marco Sacchetti della Centrale di Santa Barbara, ha descritto nel dettaglio tutte le fonti rinnovabili e il funzionamento del moderno impianto a ciclo combinato a Santa Barbara nel comune di Cavriglia, soffermandosi poi sulla geotermia e sulle rinnovabili di nuova generazione come la produzione di energia con le onde marine, sull’innovativa centrale a fonte solare Archimede, sulle sperimentazioni per l’accumulo dell’energia in materia di rinnovabili nonché sulle prospettive dell’efficienza energetica che Enel Energia sta promuovendo attraverso il fotovoltaico di piccola taglia, il minieolico e l’efficientamento degli impianti energetici.

Presenti anche i docenti, che accompagnano la classe in questo percorso, e Claudia D’Angelo, referente toscana de “La Fabbrica”, l’agenzia educativa che collabora con Enel per i contenuti del progetto.
 
“Play Energy – ha detto Sacchetti – è il progetto di Enel e di Enel Energia, rivolto agli studenti italiani e stranieri, che vuole creare una comunità energetica locale e internazionale sui temi dell’energia e della tutela dell’ambiente. Faccio i complimenti agli studenti della Giovanni XXIII di Terranuova Bracciolini che hanno mostrato grande interesse e hanno partecipato in modo attivo alla lezione: è con questo atteggiamento che si diventa cittadini responsabili sulle tematiche ambientali ed energetiche e che si può contribuire alla creazione di comunità e di un mondo sostenibile”.
 

Articoli correlati