09, Agosto, 2022

Gestione in house del servizio idrico integrato: richiesta unanime del Valdarno

Più lette

In Vetrina

Nel 2021 scadrà l’affidamento a Publiacqua. La volontà condivisa è quella di andare verso una gestione esclusivamente pubblica

Gestione in house del servizio idrico integrato:  i Sindaci che fanno parte della Conferenza territoriale Medio Valdarno hanno espresso all'unanimità all’Autorità Idrica Toscana la richiesta di una gestione esclusivamente pubblica.

I Sindaci hanno chiesto di tener conto di tale richiesta nella futura decisione relativa alla forma di gestione, valutandone la fattibilità e sostenibilità economico – finanziaria. L’affidamento della gestione del servizio idrico integrato sul territorio della Conferenza territoriale Medio Valdarno alla società Publiacqua scadrà a fine 2021 ma, secondo la normativa, l’Autorità Idrica Toscana deve avviare la procedura di individuazione del nuovo soggetto gestore almeno 18 mesi prima della scadenza naturale della convenzione stessa, dunque entro fino giugno 2020.

“La decisione unanime di oggi – commenta Mauro Di Ponte, Vicesindaco del Comune di Terranuova Bracciolini – rappresenta un’occasione per dare attuazione alla volontà popolare espressa nel referendum del giugno 2011 quando la maggioranza degli elettori si disse contrario a qualunque forma di privatizzazione. L’esperienza sino ad ora maturata attraverso la gestione mista pubblico – privata consente alla parte pubblica di poter procedere in autonomia rispetto al partner operativo privato. In più una gestione pubblica del servizio idrico integrato consentirebbe ai territori toscani, e di conseguenza ai suoi cittadini, di fruire interamente degli utili, senza disperdere altrove le relative risorse”.

 

Articoli correlati