20, Maggio, 2022

Fontana in piazza Potente: i cittadini protestano, il sindaco la toglie, Rifondazione e M5S esultano

spot_img

Più lette

I cittadini avevano criticato, le opposizioni erano insorte. Il sindaco Benucci ha deciso di rimuoverla. “Questo ripensamento è stato il frutto di una grande indignazione dal basso che il Sindaco non ha potuto ignorare”, afferma Rifondazione comunista. “Quando i cittadini si attivano i risultati si ottengono”, sottolinea il Movimento 5 Stelle

Il 22 marzo l'amministrazione comunale di Reggello inaugura la nuova fontana in piazza Potente dell'artista Carmelo Cutuli. I cittadini si lamentano e la criticano: proprio non piace. Le opposizioni insorgono. Il sindaco Cristiano Benucci decide, adesso, di rimuoverla. Al suo posto dovrebbe tornare quella vecchia in ghisa che si trovava nella piazza dagli anni '30.

Il Movimento 5 Stelle e Rifondazione comunista commentano ed esprimono soddisfazione.

“Come per la conquista del giardino pubblico al posto del parcheggio di piazza IV novembre, ottenuto grazie alla raccolta spontanea di 450 firme e consegnate ai consiglieri comunali Galardi e Ortolani, anche questa volta le circa 400 firme raccolte spontaneamente dai cittadini e consegnate al Movimento 5 stelle hanno portato un risultato”, dichiara M5S.

“È giunta la notizia che finalmente sarà rimossa la fontana in coccio installata pochi giorni fa in Piazza Potente a Reggello – sottolinea il gruppo reggellese – Dopo le pressioni del Movimento 5 Stelle che, tramite i Consiglieri Ortolani e Galardi, ha messo in campo una raccolta firme tra la cittadinanza”.
 
Il progetto, realizzato tramite l’Unione dei Comuni, è venuto a costare circa 36mila euro.

“Una cifra che, di questi tempi – fanno notare i due consiglieri di opposizione – sembra assurda, anche perché il manufatto non ha riscontrato il gradimento dei cittadini che preferivano sicuramente la vecchia fontana in ghisa, presente nella piazza dall’inizio del Novecento e che sicuramente si inseriva meglio nel contesto ambientale. L’installazione era stata fatta arbitrariamente, senza interpellare i cittadini, nonostante il progetto prevedesse questo importantissimo passaggio”.

Sull'argomento interviene anche il consigliere Andrea Calò di Rifondazione comunista. 

"Clamoroso dietrofront del Sindaco di Reggello che inciampa sulla 'nuova fonte' di Piazza Potente nel capoluogo oggetto di una forte contestazione politica e popolare che lo costringe ad ordinarne la rimozione. Una dura lezione a chi non ha scelto al momento opportuno il confronto e il dialogo e a chi non ha saputo ascoltare chi nel paese ci vive e lo ama ovvero l’intera comunità".

"In tal senso voglio ricordare che su quest’opera e la sua installazione Rifondazione Comunista aveva protestato vivamente, presentando una interrogazione urgente, alla quale non è mai stata data alcuna risposta, interrogazione con la quale si chiedeva al Sindaco di riferire sull’opera realizzata, sui motivi che avevano indotto l’amministrazione a collocare detta opera in spregio ai valori sopra richiamati e perché la giunta non avesse mai riferito notizia alcuna in merito al percorso, agli obiettivi, ai cantieri artistici aperti e soprattutto sull’opera, la sua collocazione, i criteri utilizzati e il costo. Solo il PRC in occasione della 'sciagurata scelta' aveva chiesto di rinviare detta inaugurazione al fine di ripensare la collocazione dell’opera in oggetto".

 

Articoli correlati