19, Agosto, 2022

Figline, al via le operazioni antidegrado nel cantiere abbandonato di via Benelux

Più lette

In Vetrina

 I residenza della zona chiedevano da molto tempo lavori di messa in sicurezza. Sono anni che qui regna il degrado.E finalmente questa mattina sono partite le operazioni all’interno e all’esterno del cantiere abbandonato di via Benelux a Figline. L’intervento arriva in seguito a una serie di sollecitazioni e procedimenti formali – l’ultimo dei quali datato 14 dicembre 2021 – con i quali il Comune ha ottenuto dal Tribunale di Firenze un provvedimento che impone ai privati proprietari del cantiere di procedere alla bonifica e all’interdizione di tutti gli accessi. Si tratta infatti di un’area privata sulla quale pende una procedura esecutiva di vendita all’asta, pertanto il Comune non vi può intervenire direttamente. Il costo è a carico del proprietario e tutta l’operazione è stata concordata e programmata con l’Istituto Vendite Giudiziarie che ha in custodia l’immobile.

L’operazione prevede la chiusura di tutti i varchi di accesso al cantiere e agli immobili tramite una rete metallica fissata con staffe in ferro e, dove necessario, con delle murature. È prevista poi la pulizia del giardino, il taglio delle piante e di tutta la vegetazione infestante, la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti abbandonati dentro al cantiere. I lavori vengono eseguiti da una ditta specializzata di Signa incaricata dall’Isveg. Le operazioni sono state avviate questa mattina alla presenza della Polizia municipale e dell’ufficio tecnico del Comune.

 

“Stamani, insieme ai residenti, accogliamo con soddisfazione l’avvio dei lavori di messa in sicurezza e di bonifica del cantiere di via Benelux– ha detto il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici Enrico Buoncompagni-. In questi mesi abbiamo incontrato più volte i cittadini che abitano nel quartiere, raccogliendo le loro comprensibili preoccupazioni. Pur trattandosi di una vicenda privata, quest’area pone infatti diverse questioni di rilievo pubblico, a partire da quella della sicurezza. Come Amministrazione abbiamo fatto quanto è in nostro potere, a partire dal potenziamento dell’illuminazione nell’area pubblica prospiciente il cantiere. Allo stesso tempo continuiamo a lavorare in sinergia con Isveg, il soggetto custode dell’immobile, per ottenere la presa in carico dell’area. Oggi abbiamo raggiunto questo primo obiettivo, ma la nostra attenzione non finisce qui: continueremo a monitorare, a dialogare con i soggetti coinvolti e a utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per garantire sicurezza e decoro al quartiere.Parallelamente questa area sarà interessata da tutta una serie di interventi con il ripristino del manto stradale e dei parcheggi a disposizione dei residenti.

 

Articoli correlati