29, Settembre, 2022

Figline Incisa, tromba d’aria: in corso la messa in sicurezza. “Pronti 25mila euro per il ripristino”

Più lette

In Vetrina

L’ondata di pioggia e vento forte che si è abbattuta questa mattina in Valdarno ha provocato problemi anche a Figline e Incisa Valdarno: numerosi alberi caduti, danni agli edifici e interruzioni dell’energia elettrica e dell’acqua. Le operazioni di ripristino hanno comportato alcune chiusure e restrizioni temporanee della viabilità, risolte rapidamente. Non si registrano danni alle persone.

Le squadre del Sistema di Protezione civile del Comune sono intervenute per rimuovere il materiale e ripristinare la viabilità a Incisa in via Roma, via Fratelli Rosselli, via Pian dell’Isola, via Santa Maria Maddalena, a Figline in via Brodolini, in via del Cesto, via San Biagio oltre che in località Pavelli, Golfonaia, Stecco, in via Borghetta e lungo gli argini dell’Arno in via del Ponte Rosso, nei giardini Dalla Chiesa di Figline e in quelli di via Copernico e di Matassino. Danni significativi anche a Loppiano, in particolare alla copertura e alle vetrate artistiche del Santuario Maria Theotokos, dove il Comune ha collaborato alla chiusura al pubblico della struttura.

“Il nubifragio di questa mattina ha colpito in modo particolarmente violento il territorio di Figline e Incisa Valdarno – commenta la sindaca Giulia Mugnai- Si è trattato di un fenomeno inatteso nelle proporzioni che ha provocato criticità e disagi, fortunatamente senza causare gravi danni alle cose né danni alle persone. Una tromba d’aria e raffiche di vento superiori ai 100 chilometri orari hanno abbattuto più di 20 alberi del patrimonio pubblico, oltre a numerose piante nei giardini privati. Se il bilancio non è ancora più pesante è anche grazie al programma di manutenzione delle alberature che il Comune porta avanti su tutte le principali aree verdi pubbliche, con interventi di potatura e sostituzione programmati secondo un calendario annuale. Le piante cadute sono quelle che la forza del vento ha letteralmente sradicato dal terreno, ma le altre hanno resistito all’impatto senza provocare ulteriori danni. Fin dai primi istanti il Sistema di Protezione civile del Comune di Figline e Incisa Valdarno si è attivato per risolvere le emergenze. Gli operatori sono tuttora impegnati nel ripristino di tutte le situazioni critiche. Voglio quindi ringraziare, a nome dell’Amministrazione, l’Ufficio tecnico e il personale del Comune, gli operatori di Gaib, Prociv Incisa e Croce Rossa Incisa, oltre che gli agenti di Polizia municipale, i Carabinieri e i Vigili del Fuoco. Grazie anche ai cittadini che hanno collaborato con le loro segnalazioni. In questa prima fase la priorità è quella di isolare ogni possibile fonte di rischio: per questo saranno stanziati subito 25mila euro per un intervento di messa in sicurezza e smaltimento del materiale che avrà inizio già da domani”.

Articoli correlati