18, Agosto, 2022

Festa della Repubblica, arrivano anche in Valdarno due onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica

Più lette

In Vetrina

Tra gli insigniti del riconoscimento del Presidente della Repubblica, ieri, anche Antonio Perillo, Comandante della la Stazione Carabinieri di Figline, e Franca Pratesi, fondatrice del “Centro Terapie Educative” di Torri a Rignano sull’Arno

Consegna dei riconoscimento del Presidente della Repubblica, ieri, in occasione delle celebrazioni per il 75° anniversario della Repubblica Italiana a Firenze. Dopo la deposizione della corona ai Caduti, la lettura del messaggio del Presidente Mattarella, poi il Prefetto di Firenze, Alessandra Guidi, nel proprio intervento, ha dedicato un pensiero allo sforzo congiunto che questi mesi di pandemia hanno richiesto a tutti gli attori del territorio a tutela di beni fondamentali come la sicurezza personale e collettiva, le libertà individuali, la legalità e i diritti civili e sociali.

Successivamente in Prefettura si è svolta la cerimonia di consegna delle onorificenze, in assenza di pubblico e nel rispetto delle norme anti Covid. Sono state consegnate 36 onorificenze dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (OMRI), conferite dal Capo dello Stato a coloro che si sono distinti per aver acquisito benemerenze nella propria vita lavorativa, in attività svolte a fini sociali e umanitari o per i lodevoli servizi svolti nelle carriere civili e militari. Tra loro anche due personalità legate al Valdarno. 

Antonio Perillo: Comandante della la Stazione Carabinieri di Figline Valdarno, il Maresciallo Maggiore Antonio Perillo ha ogni giorno dimostrato elevata professionalità e un'encomiabile dedizione. La sua lodevole carriera lo ha portato negli anni ad ottenere molteplici riconoscimenti.

Franca Pratesi: ha fondato il "Centro Terapie Educative" di Torri a Rignano sull'Arno, di cui è presidente, che accoglie disabili psichici e persone in difficoltà. Attualmente dirige tre centri diurni denominati "Villamagna", "Il Castello" e "Il Fortino", di cui uno dedicato a minori con autismo. Esempio di dedizione e cura nei confronti delle persone più fragili e bisognose di particolare tutela.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati