01, Ottobre, 2022

Ecco l’Aquila in rosa, il Montevarchi lancia la squadra femminile

Più lette

Parteciperà al campionato di Serie D, giocando la domenica pomeriggio al Brilli Peri. Presentato lo staff e le prime giocatrici. Società al lavoro per completare la squadra: le aspiranti aquilotte possono farsi avanti

Rosso e blu, da oggi con venature rosa. Per la prima volta nella sua storia ultracentenaria, l'Aquila Montevarchi inaugura una sezione femminile: dalla prossima stagione ci sarà una prima squadra iscritta al campionato di Serie D – dispitando peraltro un inedito derby contro la Marzocco Sangiovannese, oltre che contro la Vigor Rignano – e le porte della scuola calcio saranno aperte anche alle bambine. Lo ha annunciato il club nel corso della conferenza stampa di ieri sera.

Una vera e propria costola del club aquilotto, la squadra femminile giocherà la domenica pomeriggio allo stadio Brilli Peri, a settimane alterne con la prima squadra maschile. Un progetto nel quale la società ha fatto capire di credere molto e che nasce per consolidarsi negli anni a venire.

"Sarà un'avventura nuova – ha detto il presidente Angelo Livi – che avevamo voglia di iniziare. Per farlo, abbiamo raccolto con piacere l'input di un gruppo di giovani che si stanno occupando di strutturare la squadra". In testa a questo gruppo di giovani c'è Jacopo Poggesi, già allenatore della scuola calcio aquilotta e ora responsabile tecnico del settore femminile: "L'entusiasmo dei dirigenti verso questa nuova iniziativa ci incoraggia a lavorare bene – spiega -. Siamo già in contatto con diverse giocatrici che hanno avuto esperienze di calcio a undici, a sette o a cinque. Partiamo da zero ma con una grande forza: poter contare su una società che, per il calcio femminile, è già una delle più importanti e antiche a livello regionale e nazionale".

Stefano Brocci, altra figura storica del calcio montevarchino, sarà il dirigente responsabile del settore femminile. "Questa avventura ci appassionerà – spiega – credo sia una qualcosa di buono per la nostra città. Siamo al lavoro sulla prima squadra ma anche sul settore giovanile. Il nostro obiettivo è avvicinare le bambine alla scuola calcio".

A occuparsi dell'aspetto atletico sarà un preparatore d'eccezione: Luca Panichi, allenatore di atletica ben noto in Valdarno. "Ha saputo del progetto e si è offerto di darci una mano – racconta Brocci – non potevamocerto farci sfuggire un professionista e un amico come Luca". "Per me è un'esperienza nuovissima e stimolante – dice Panichi -. Tanti tecnici del calcio, anche a livello professionistico, provengono dal mondo dell'atletica. Metto la mia esperienza e il mio impegno al servizio del Montevarchi. Ero ambizioso da atleta, lo sono come tecnico di atletica, lo sarò anche come preparatore".

Presenti alla conferenza stampa anche le prime due giocatrici della squadra rossoblù: Chiara Donnini, montevarchina di 28 anni, giocatrice di fascia che proviene dal calcio a cinque, e Aurora Arostini, terranuovese di 24 anni, trequartista e seconda punta con esperienze nel calcio a undici nei camp di formazione della Fiorentina, a San Giovanni e ad Arezzo. Presto saranno annunciati altre giocatrici, l'allenatore e lo staff tecnico. Intanto tutte le aspiranti aquilotte possono farsi avanti chiedendo informazioni in società.
 

Articoli correlati