17, Aprile, 2024

Disservizi dei treni, il 13 marzo la cabina di regia di Regione Toscana con Trenitalia, Rfi e i sindaci del Valdarno aretino e fiorentino

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È stato fissato l’atteso confronto con i gestori del servizio e della rete richiesto a seguito dell’incontro della conferenza dei sindaci del Valdarno aretino con l’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli per affrontare le criticità del trasporto ferroviario in Valdarno. L’annuncio è di Valentina Vadi, presidente della Conferenza dei sindaci: “Finalmente il 13 marzo incontreremo i vertici di Trenitalia e Rfi. Dopo l’incontro infatti con l’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli lo scorso 18 gennaio dove abbiamo avuto modo di esporre i tanti episodi di un disservizio ripetuto e continuo e riferire segnalazioni, problemi, denunce e l’esasperazione crescente di chi usa i regionali, abbiamo chiesto, come primi cittadini, di partecipare alla prima cabina di regia con i gestori. Nell’occasione sarà discussa l’ipotesi di riorganizzazione del servizio della tratta valdarnese e potremo esprimere la nostra opinione. Nella giornata di ieri l’assessore regionale Baccelli ha comunicato che Trenitalia e Rfi si sono resi disponibili ad effettuare la riunione il 13 marzo alle 16”.

Sarà un incontro in videoconferenza al quale parteciperanno la Regione Toscana, i delegati di Trenitalia e Rfi e i sindaci del Valdarno non solo aretino ma anche fiorentino. All’interno della cabina di regia saranno discusse le importante criticità che riguardano il trasporto ferroviario nella tratta del Valdarno. La situazione, dopo il “preoccupante decremento in termini di puntualità e il dato disastroso negli ultimi due mesi del 2023”, come ha detto l’assessore Baccelli, non sembra essere migliorata con il 2024. Anzi, nelle ultime settimane si sono registrati continui ritardi dei treni, improvvise cancellazioni e mancanza di comunicazione.

“Oltre a ritardi e cancellazioni – continua Valentina Vadi – che sono all’ordine del giorno, soltanto nella scorsa settimana sono saliti agli onori della cronaca episodi che hanno messo a dura prova la pazienza dei pendolari. Grande confusione, mancanza di informazione, un servizio inaccettabile. Speriamo – conclude la presidente della conferenza dei sindaci Vadi – con la partecipazione a questa cabina di regia, di portare non soltanto la voce del nostro Valdarno ma di avere risposte concrete da Trenitalia e Rfi per la risoluzione di queste problematiche”.

L’incontro programmato non prevede quindi la partecipazione del Comitato Pendolari Valdarno Direttissima, che intanto insieme al Movimento Consumatori torna a chiedere un’audizione alla Commissione regionale trasporti. Spiegano Benedetto Tuci, presidente del MC Toscana e Maurizio Da Re, portavoce del Comitato Pendolari Direttissima Valdarno: “La situazione è diventata insostenibile ed è per questo che abbiamo deciso di unire le nostre voci e forze con il fine di farci sentire e di pretendere il rispetto dei pendolari e del contratto di servizi che la Regione Toscana ha stipulato con Trenitalia”.

“Come primo atto comune chiediamo l’audizione urgente alla IV Commissione Consiliare Territorio, ambiente, mobilità, infrastrutture, insieme a Rfi e Trenitalia – aggiungono Tuci e Da Re – nella seduta preannunciata dai consiglieri regionali Lucia De Robertis, presidente della stessa commissione, e Vincenzo Ceccarelli, capogruppo Pd. È arrivato il momento di individuare le soluzioni per provare a risolvere i disagi e disservizi, che i pendolari del Valdarno e di Arezzo stanno subendo sempre più da oltre un anno, senza vedere impegni concreti da parte di Ferrovie e della stessa Regione”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati