09, Agosto, 2022

Crisi energetica: il comune di Reggello riduce i consumi. A Figline e Incisa riscaldamenti spenti dal 1 aprile

Più lette

In Vetrina

I comuni del Valdarno si attivano per cercare di frenare i costi e contenere i consumi energetici. A Reggello il Comune di Reggello risponde all’aumento del costo delle bollette e delle materie prime causate del caro energia, anche alla luce della drammatica situazione internazionale, riducendo i consumi per il riscaldamento degli edifici comunali. L’Amministrazione infatti, ha disposto che l’orario di accensione del riscaldamento in tutte le sedi comunali sia ridotto di tre ore al giorno con la contestuale diminuzione della temperatura programmata.

In accordo con la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo Patrizia Giorgi, inoltre, anche gli edifici scolastici del territorio comunale subiranno una riduzione della temperatura interna e lo spegnimento del riscaldamento dalle 11 alle 14.30. “Ognuno di noi è chiamato a fare la propria parte sul fronte del risparmio energetico per migliorare il nostro stile di vita, sprecare meno risorse e risparmiare sul costo dell’energia – afferma il Sindaco Piero Giunti- . Per questo invito anche i cittadini a ridurre, per quando possibile, il riscaldamento e l’illuminazione nelle abitazioni private”.

A Figline e Incisa invece un’ordinanza della Sindaca, Giulia Mugnai, ha stabilito che i riscaldamenti (in edifici pubblici e privati) dovranno essere spenti dal 1° aprile su tutto il territorio comunale, per favorire il risparmio energetico e ridurre i consumi di energia da fonti non rinnovabili, anche alla luce delle tensioni geopolitiche determinate dal conflitto in Ucraina e ai loro effetti sul mercato delle materie prime. Già da questi giorni, inoltre, l’orario di accensione degli impianti in tutti gli edifici comunali, comprese le scuole primarie e secondarie di primo grado, è stato ridotto di due ore e la temperatura programmata abbassata di un grado.

L’ordinanza riguarda tutte le abitazioni e, in generale, tutti gli impianti di riscaldamento presenti sul territorio, ad eccezione di ospedali, case di cura, nidi, scuole materne e gli altri edifici previsti dall’articolo 4, comma 5, del D.P.R. n. 74/2013.

“Al cambiamento climatico, che è la vera questione determinante del nostro tempo, nelle ultime settimane si sono aggiunti i tragici fatti della guerra in Ucraina. Le ripercussioni sul prezzo delle materie prime – spiega la Sindaca Giulia Mugnai – sono pesanti, con aumenti che tutti abbiamo potuto verificare. Non si tratta solo di abbassare le bollette, che pure è importante: si tratta di sviluppare una coscienza collettiva sulla riduzione dei consumi e su contenimento degli sprechi. Per questo, superato il periodo delle temperature più rigide, quest’anno anticiperemo il giorno di spegnimento dei riscaldamenti sul territorio comunale. Il contrasto al cambiamento climatico è una sfida che ci chiede di non restare indifferenti. Su questo tema, l’attenzione della nostra Amministrazione è massima, dai piccoli gesti come la riduzione dell’orario di accensione degli impianti negli edifici comunali, ai grandi progetti di efficientamento e transizione ecologica che abbiamo messo a punto e che, anche grazie ai fondi del Pnrr, realizzeremo nei prossimi anni. Su questo chiedo una mano anche ai cittadini: cerchiamo, tutti quanti, di evitare gli sprechi, a partire dal riscaldamento e dall’illuminazione nelle nostre case”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati