04, Febbraio, 2023

Covid-19, potenziati i servizi USCA: in Valdarno adesso ci sono 4 team

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale sono state potenziate su tutto il territorio ASL Toscana sud est dal 1 novembre. “Stretta collaborazione con il personale dell’emergenza 118: obiettivo assistere tempestivamente i pazienti e garantire miglior accesso alle cure”

Dal 1 novembre, su tutto il territorio della ASL Toscana sud est, sono state potenziate le USCA, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, nate nel mese di marzo. In Valdarno adesso sono in attività 4 team composti da un infermiere ed un medico che ha il compito di seguire i pazienti positivi al Covid 19, sia sintomatici che asintomatici, nei propri domicili ma anche negli alberghi sanitari, nei posti letto di cure intermedie e presso le RSA. 

"Si tratta di un ruolo fondamentale per garantire un decorso casalingo della malattia e per evitare intasamenti nei Pronto Soccorso e nei reparti ospedalieri. Per migliorare questa azione è stato anche rafforzato il rapporto con il servizio 118 di Emergenza.  
Due le azioni avviatein caso di cittadino con positività Covid che si rivolge al 118, se il triage telefonico non individua alta priorità e necessità di ricovero, la centrale stessa richiede subito l’intervento delle USCA per la presa in carico. I due team, USCA e 118, si confrontano in tempo reale per la presa in carico del paziente. In caso che il paziente, già in carico USCA, necessiti d ricovero in Ospedale, il team USCA avrà la possibilità di richiedere immediatamente la consulenza al 118, che deciderà l’invio dell’automedica o dell’ambulanza. 
Gli operatori delle unità speciali sono inoltre supportati dai medici e dagli infermieri della rete di pneumologia territoriale, delle malattie infettive e della geriatria".  

"Uno degli elementi che rendono il lavoro USCA così importante è quello che i team seguono personalmente anche il follow up dei pazienti guariti che già erano stati seguiti a domicilio. Un rapporto medico e umano fondamentale che rende il ruolo USCA  strategico per il lavoro di tutto il sistema sanitario ed assistenziale".

Dall’inizio dell’emergenza, da marzo, l’USCA ha seguito circa 5000 pazienti in tutta la Asl Toscana sud est, di cui 2.000 nella provincia di Arezzo, fornendo 120.000 prestazioni, di queste 53.000 nella provincia aretina.

Articoli correlati