02, Febbraio, 2023

Covid-19, famiglia in quarantena: a Terranuova si mette in moto una gara di solidarietà

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Durante l’emergenza sanitaria tanti gesti di vicinanza da parte di alcuni cittadini. Medicine, cibi, dolci lasciati sulla panchina all’ingresso della casa

Un mese in quarantena ma circondati da una vera e propria catena di solidarietà. Arriva da Terranuova un bellissimo esempio di 'comunità' che in questo momento di emergenza sanitaria, difficoltà economiche, ed isolamenti domiciliari riesce a far sentire meno soli coloro che sono costretti a combattere con il Covid-19.

Francesco Perli e la sua famiglia, moglie e tre figlie, da circa metà ottobre lottano contro il virus. L'ultimo tampone, in ordine di tempo, è stato fatto proprio ieri. La prima a sentirsi male è stata la moglie, che ha rischiato di essere ricoverata all'ospedale. Per qualche giorno è stata confinata in una stanza finchè i sintomi, febbre, tosse, sono iniziati ad apparire anche agli altri componenti della famiglia. Solo una figlia è sempre rimasta negativa.

Intorno a tutti loro è scattata una gara di solidarietà. Per alleviare l'isolamento è arrivata subito una bella confezione di gelato. "Non sapevamo come fare perchè non potevamo uscire – racconta Francesco – Allora ci è venuta l'idea di far lasciare il gelato sulla panchina che abbiamo accanto alla porta d'ingresso. E da quel momento sulla quella panchina hanno lasciato di tutto: dolci, pizze, arrosto, roast beef".

Terranuova si è mobilitata per questa famiglia di cinque persone ma non solo: il cibo è arrivato anche da fuori confini comunali. Insomma in circa un mese padre, madre e le figlie sono stati inondati da una marea di affetto e di solidarietà.

Gesti bellissimi che ripagano delle sofferenze subìte. La figlia più piccola, adesso negativa, è tornata a scuola e anche in questo caso grazie ad amici che l'accompagnano e la riportano a casa. In un momento di estrema emergenza sanitaria c'è chi ha dentro un forte senso della comunità che porta ad aiutare chi in questo momento si trova in difficoltà.

"Se il Covid – conclude Francesco che ringrazia tutti – ci ha chiusi in casa, grazie a una panchina un'intera comunità ci ha aperto il proprio cuore".

 

Articoli correlati