25, Settembre, 2022

Covid-19, Decreto del Presidente del Consiglio: le attività aperte e quelle chiuse

Più lette

In Vetrina

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha emanato un nuovo decreto con ulteriori misure restrittive

Ultime disposizioni per fronteggiare il Covid-19: il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha emanato il decreto con nuove misure restrittive. 

Le attività aperte e quelle chiuse

Chiuse fino al 25 marzo le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività

Chiusi fino al 25 marzo indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari

Aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie, il commercio per gli animali domestici. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Chiuse fino al 25 marzo le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che da asporto

Aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Chiusi fino al 25 marzo parrucchieri, barbieri, estetisti, tatuatori

Consentita la libera circolazione del commercio

Aperti idraulici, impiantisti, benzinai e meccanici, lavanderie, tintorie, servizi di pompe funebri,  servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

L'elenco completo

 

Articoli correlati