18, Aprile, 2024

Conto alla rovescia per il Varchi Comics. E ci sarà anche il fumetto realizzato dai ragazzi del Centro giovani del Matassino

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Montevarchi al centro del mondo del fumetto e del fantasy per due giorni: è il fine settimana del Varchi Comics. Tra gli eventi, anche la presentazione del fumetto realizzato dai ragazzi del Centro giovani del Matassino ‘Otaku soul’

Arriva a Montevarchi la due giorni di Varchi Comics (qui il programma completo) che per la sesta edizione farà del Valdarno il punto di riferimento per gli appassionati di fumetti, e anche di fantasy, di tutta Italia. 

Per l'occasione saranno presenti tra gli stand anche i ragazzi che hanno partecipato al laboratorio di fumetti e cosplay “Otaku soul” supportato dalla cooperativa sociale “Coop21” e “Anelli mancanti” e patrocinato dal Comune di Figline e Incisa. L'iniziativa, che ha avuto inizio nel dicembre scorso, si è composta di workshop tenuti al Centro giovani del Matassino e mirati all'acquisizione di tecniche e utilizzo di strumenti per la realizzazione sia di fumetti che di accessori per i cosplay.

E quest'anno la fiera montevarchina per gli appassionati di genere ha adibito uno stand che ospiterà le opere degli aspiranti mangaka. Grazie all'interesse del Comune, che si è reso disponibile a stampare i lavori realizzati, le lezioni si sono trasformate da semplici appuntamenti di teoria di base a veri e propri laboratori pratici, arrivando a realizzare un fumetto con 30 tavole create con la collaborazione di tutti i ragazzi, ognuno di loro impegnato in una diversa tecnica, per poi uniformare il lavoro finale con l'aiuto dei volontari del progetto.

Il fumetto “Otaku Soul” sarà presentato al Varchi Comics domenica 22 marzo alle ore 14  nell'auditorium dell'Isis Benedetto Varchi, alla presenza dell'assessore alla Cultura Mattia Chiosi. “L'Amministrazione comunale vuole dare risalto alla stampa di un volumetto nell’ambito della promozione della 'cultura popolare' – ha spiegato l'assessore – popolare significa diffuso, inclusivo, per tutti, e il fumetto è quell'arte che permette di unire tutte le generazioni. Quello dell'ospitare il corso di fumetto al Centro Giovani è stato quindi il primo passo per una nuova comunicazione artistica di messaggi e valori alla comunità”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati