19, Agosto, 2022

Comune unico del Valdarno: “Passiamo dalle parole ai fatti”. Grasso rilancia l’idea e annuncia ai cittadini la nascita di un Comitato

Più lette

In Vetrina

Riparte da Montevarchi l’ipotesi di costituzione del Comune unico del Valdarno, progetto politico che negli anni ha vissuto corsi e ricorsi storici. Il sindaco scrive ai cittadini: “Più uniti siamo e più saremo in grado di rappresentare i nostri interessi nel panorama regionale”. Lunedì 19 gennaio un incontro pubblico servirà a lanciare un percorso con tappe precise

"Passiamo dalle parole ai fatti": a dirlo è il sindaco di Montevarchi, Francesco Maria Grasso; e il tema è il Comune unico del Valdarno, progetto politico su cui di parole, in realtà, ne sono state dette moltissime negli anni. Torna alla ribalta ciclicamente, resta sulla cresta dell'onda qualche mese, e poi finisce nel dimenticatoio finché qualcuno non lo rispolvera di nuovo. 

Eppure di sostenitori sembra averne moltissimi, almeno in teoria. Negli ultimi anni tanti esponenti politici hanno sposato un'idea che sembrava destinata a diventare qualcosa di più. Di concreto, però, ci sono state azioni solo parziali: mentre si unificavano i comuni di Figline e Incisa e di Castelfranco con Pian di Scò, altre amministrazioni si affidavano alla gestione associata di servizi: Montevarchi con Terranuova, San Giovanni con Cavriglia; e poi le Unioni dei comuni del Pratomagno e quella dei Tre Colli. 

Tante iniziative sparse che non restituiscono però un Comune unico del Valdarno. Ora, dunque, da Montevarchi e dal sindaco Grasso riparte l'invito a muoversi davvero. Lunedì sera 19 gennaio, intanto, un incontro pubblico sarà l'occasione per lanciare la nascita di un Comitato che fissi un cronoprogramma con scadenze precise. Grasso lo ha spiegato in una lettera aperta ai cittadini di tutto il Valdarno, che riportiamo integralmente. 

"Carissimi concittadini Valdarnesi,
tutti noi riconosciamo l’importanza che la nostra terra sia rappresentata in modo unitario dalle nostre istituzioni.
Siamo consapevoli che più uniti siamo e maggiormente saremo in grado di rappresentare i nostri interessi nel panorama regionale.
Siamo coscienti che il Valdarno Superiore può essere considerato come un ambito geografico, politico, culturale unico; in altre parole una grande città diffusa.
Ad oggi molte parole sono state spese, ma pochi i fatti realizzati.
Credo sia giunto il momento di passare dalle parole ai fatti concreti.
Invito pertanto tutti i singoli cittadini, le associazioni, i movimenti, le organizzazioni che vogliono spendere parte del loro tempo per lavorare alla costruzione del Comune Unico del Valdarno, ad una riunione a Montevarchi, presso la Sala della Filanda al centro culturale “Ginestra Fabbrica della Conoscenza”, lunedì 19 gennaio 2015 alle ore 21.15.
Durante l’incontro potremo costituire il Comitato per il Comune Unico del Valdarno Superiore in provincia di Arezzo.
In quella sede saranno discusse le modalità operative per la costituzione del Comitato nel territorio e inizieremo a fissare le tappe per aprire una strada di confronto con la cittadinanza e le istituzioni locali per raggiungere la meta del Comune Unico del Valdarno Superiore.
Vi aspetto a questo momento che può risultare importante per la vita delle nostre comunità e vi invio nell’attesa i miei migliori auguri di buon Natale e un caro saluto".

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati