27, Settembre, 2022

Cinema, musica, teatro e spettacoli: un’estate di eventi

Più lette

In Vetrina

Tutti gli eventi fino a metà settembre. Viste le norme sul distanziamento fisico, il numero dei posti è limitato. E’ fortemente raccomandata la prenotazione

Cinema, musica, teatro e spettacoli: l'estate a San Giovanni è comunque ricca di eventi nonostante le restrizioni per l'emergenza sanitaria.

“Un programma articolato e composito, che spazia dal cinema alla musica, dal teatro all’intrattenimento, e la cui realizzazione ha impegnato gli Uffici comunali per diverse settimane con l’obiettivo da una parte di individuare proposte le più varie e autorevoli possibili, dall’altra di predisporre tutte le misure organizzative e operative che le normative anti-covid impongono. Un programma che si svolge non solo nella centralissima Piazza Masaccio, come da tradizione, e in altre piazze del centro, come Piazza Cesare Battisti, ma anche nelle piazze dei quartieri, per portare la cultura in tutta la città e per valorizzare (e perché no, far conoscere) piazze e spazi dei vari quartieri.” ha dichiarato l’assessore alla cultura Fabio Franchi.

Tra i protagonisti assoluti dell’estate sangiovannese il cinema, con cinque diverse rassegne di appuntamenti all’aperto: due,  si svolgeranno in centro, dedicate rispettivamente al regista Quentin Tarantino e a Francesco Nuti, le altre faranno tappa nei diversi quartieri. San Giovanni si trasforma in una sala cinematografica all’aperto, grazie agli appuntamenti della rassegna “La Nostra Memoria Inquieta”, inserita nell’ambito del festival Orientoccidente e dedicata quest’anno al cinema di Quentin Tarantino, che ha già preso il via lunedì 13 luglio e che continuerà sempre alle 21:30 in piazza Cesare Battisti lunedì 20 e 27 luglio e il 3 agosto con i film del famoso regista, per poi fare tappa nei quartieri cominciando in piazza Le Fornaci lunedì 10 e 17 agosto con il ciclo “Charlot alle Fornaci”, proseguendo il 24 e il 31 agosto in piazza Salvo D’Acquisto con il ciclo “Oltrarno Disney”, per concludersi il 3 e l’8 settembre al Ponte alle Forche al giardino delle “vaschine”  con il ciclo “Alberto Sordi: i 100 anni”.

Andranno poi in scena altre rassegne cinematografiche: una a cura della Parrocchia di S. Teresa del Bambino Gesù del Ponte alle Forche, che si svolgerà nel resede della parrocchia mercoledì 15 luglio, mercoledì 22 luglio e mercoledì 29 luglio, l'altra a cura dell’Associazione Residenti Centro Storico di San Giovanni Valdarno, dedicata a Franceso Nuti, a partire dal 16 luglio. Infine due appuntamenti, “Weekend cinema alle Fornaci”, sabato 25 e domenica 26 luglio, a cura dei residenti del Quartiere e dell’Associazione Culturale Masaccio.

Anche tanta musica animerà l’estate sangiovannese. Torna anche quest’anno la serie di appuntamenti nel Valdarno con la musica live del Festival Orientoccidente che farà tappa tre volte a San Giovanni. Giovedì 23 luglio alle 21:30 in piazza Masaccio, si esibirà “I Musici di Francesco Guccini” che presentano “Guccini Unplugged” con Vince Tempera, Flaco Biondini e Antonio Marangolo, martedì 4 agosto alle 21.30, sempre in piazza Masaccio, lo scrittore e autore teatrale Stefano Massini  racconta il suo “Dizionario inesistente” e poi il finale con Paolo Hendel, Riccardo Goretti e Andrea Kaemmerle con lo spettacolo “Toscanacci”, in scena mercoledì 26 agosto alle 21.30 in piazza Masaccio.

Appuntamento atteso anche  quello di Valdarno Jazz Summer, che da anni porta in piazza grandi nomi del panorama jazzistico internazionale alternando progetti italiani più creativi, scelti con cura dall’associazione. Il concerto che si terrà venerdì 31 luglio in piazza Masaccio quest’anno vedrà l’esibizione di Danilo Rea, tra i più prestigiosi pianisti jazz italiani.

Poi la musica dell’Accademia Musicale Valdarnese, che porterà tra le strade di San Giovanni – nel centro e nei quartieri – grandi artisti di fama internazionale: venerdì 17 luglio, venerdì 24 luglio, venerdì 7 agosto e sabato 29 agosto si eisbiranno il flautista Stefano Maffizzoni, i propri allievi, il Quintetto di fiati di Oida e i i partecipanti della Masterclkass di pianoforte che l’Accademia organizza a San Giovanni nell’ultima settimana di agosto e che vedrà arrivare nella nostra città giovani e promettenti talenti musicali da tutta Italia.

Tra gli appuntamenti di questa estate, confermate anche altre manifestazioni ormai storiche per le estati sangiovannesi. E’ il caso, in primo luogo, del Terre d'Arezzo music Festival, organizzato dall’Associazione “Opera Viwa”, che quest’anno raddoppia la sua presenza. Il primo appuntamento, infatti, martedì 21 luglio alle 21.15 in piazza Cesare Battisti, è con “Histoire du tango”, concerto per violino e chitarra del Sator Duo, composto da Francesco Di Giandomenico e Paolo Castellani. Il secondo appuntamento, nell’ambito dell’omaggio a Federico Fellini organizzato dal Comune di San Giovanni Valdarno, giovedì 20 agosto alle 21.30, sarà il concerto “Amarcord. Fellini & Friends”, con esecuzione di celebri colonne sonore da film da parte del trio Umbriaensamble, con pianoforte (Andrea Trovato), viola (Luca Rinaldi) e violoncello (Maria Cecilia Berioli).

Martedì 11 agosto, in piazza Masaccio, alle 21.30 sarà la volta del “Bright Brass quintet & Percussions”, concerto di fiati e percussioni, con musiche che spaziano nel tempo e nei generi, passando dalla musica classica al jazz, dalla musica da film di grandi compositori come Ennio Morricone e John Williams, fino ai Queen o Michael Jackson. Il quintetto è formato da giovani musicisti toscani, tutti diplomati al Conservatorio “Cherubini” di Firenze. Uno spettacolo che vuole valorizzare i nostri giovani di talento, una serata da non perdere assolutamente.

Spazio anche alla musica leggera: si esibirà infatti venerdì 28 agosto, in piazza Masaccio, alle 21.30 l’International Pop Quartet  di Ciro Amato, Giovanni Conversano, Marco Cattarossi e Gianni Apicella: un’immersione nella musica pop internazionale, con richiami al blues, al jazz e al rock, il tutto impreziosito dal tocco inconfondibile del chitarrista Giovanni Conversano.

Nel programma dell’Estate Sangiovannese troviamo anche il cabaret e l’intrattenimento, con Massi Fruchi e l’Associazione “Paro Paro”: domenica 2 agosto alle 21.30 in piazza Masaccio è la volta dell’ormai celebre Cabaretto, questa volta in versione “Covid Free”, mentre domenica 30 agosto, sempre alle 21.30 in piazza Masaccio, sarà la volta de “La Hit dell'estate”, con Massi Fruchi, gara musicale con coinvolgimento del pubblico, organizzata in collaborazione con Dr. Why Toscana. Sempre nel segno dell’intrattenimento, e pensando ai viaggi e a terre lontane, due appuntamenti curati dall’Associazione Proloco, Around the world: lo spettacolo dei viaggi.  Martedì 28 luglio alle 21.30, in piazza Masaccio, per la rassegna ParolErranti 2020 il tour operatore Reporter Live presenta “Wild America”, il nuovo libro di Roberto Rossi, con video, musica, letture e live music dedicate all’America più profonda, quella della musica country e del “selvaggio West”. Mercoledì 9 settembre alle 21.30 il tour operator Robintur presente “Morocco dreaming”, un “viaggio” nel Marocco raccontato con video, immagini e musica.

Poi il teatro: l’Associazione Culturale Masaccio presenterà mercoledì 12 agosto alle 21.30 in piazza Masaccio lo spettacolo “Girotondo di donne senza storia… C’era una volta l’amore”, mentre mercoledì 2 settembre alle 21.30 in piazza Cesare Battisti presenterà lo spettacolo “Stremate ultimo atto”. Ritorna, infine, una compagnia teatrale storica, Gli Squinternati, che, martedì 1° settembre alle 21.30, in piazza della Fornace, presentano la commedia brillante “AJÒ”, nel corso di una serata organizzata in collaborazione con i residenti del quartiere Le Fornaci e dedicata alla memoria di Patrizia Bernacchioni e Graziano Gioli, scomparsi recentemente a causa del covid-19. Un’occasione per ricordare due nostri concittadini tra i più conosciuti, che con il loro impegno concreto hanno segnato in modo indelebile la vita della nostra città in ambito sociale, sportivo e culturale, oltre che nel volontariato e nell’associazionismo.

Saranno, poi  due gli appuntamenti con la memoria e il ricordo all’interno di questo ricco programma di eventi. Venerdì 24 luglio si svolgeranno le celebrazioni del 76° anniversario della Liberazione di San Giovanni Valdarno dall’occupazione nazifascista. Per l’occasione il Sindaco Valentina Vadi e il Presidente ANPI Valdarno Giuseppe Morandini saranno presenti alle ore 21:15 in via Cesare Battisti; a seguire, si svolgerà il concerto degli allievi dell’Accademia Musicale Valdarnese.

L'assessore alla cultura Fabio Franchi: “Un programma che unisce rassegne e iniziative ormai classiche e consolidate per le nostre estati a iniziative di nuovo conio. Un cartellone in cui grandi nomi di caratura nazionale o addirittura internazionale si affiancano ad artisti del territorio; un programma che dà spazio sia ad artisti di fama, che a giovani e promettenti talenti. Un cartellone che propone sì eventi per le nostre serate, per dare un po’ di spensieratezza dopo mesi di lockdown che hanno colpito duramente il mondo dello spettacolo, ma che vuole anche essere anche una valorizzazione delle nostre associazioni, dei nostri giovani, dei nostri talenti".

"Su alcuni aspetti di questo programma mi preme richiamare l’attenzione. Il primo, è l’organizzazione delle due serate di omaggio a Fellini. Si tratta di una iniziativa che abbiamo potuto organizzare avvalendoci della collaborazione della Cineteca di Bologna, forse la più importante realtà italiana di conservazione, recupero e valorizzazione del cinema, che ci consente di offrire alla cittadinanza la proiezione su grande schermo de “La dolce vita” nell’edizione recentemente restaurata dalla Cineteca stessa. Un omaggio che tuttavia non si esaurisce con la sola proiezione, ma prosegue con un concerto di musiche da film, nell’ambito del Terre d’Arezzo Music Festival. Una contaminazione di arti e linguaggi artistici, quindi, di cinema e musica, che contiamo possano in questo modo valorizzarsi a vicenda".

"Il secondo aspetto è l’omaggio al cantautore e scrittore Francesco Guccini, in cui sentiremo suonare le sue canzoni più celebri. Un modo per omaggiare uno dei più importanti “poeti in musica” contemporanei, che ha compiuto appena un mese fa 80 anni e che – finché ha calcato i palcoscenici – è stato capace di attirare spettatori di tutte le età, giovani, meno giovani e giovanissimi, unendo generazioni per altri versi lontanissime tra loro. Infine, terzo ma non ultimo aspetto, il contributo fondamentale che a questo programma hanno dato le associazioni del territorio e i residenti dei quartieri (senza considerare l’apporto determinante dato – anche a livello organizzativo – dalla Proloco, che ringraziamo): buona parte delle iniziative sono state proposte e organizzate direttamente da loro, o comunque con il loro contributo. L’ennesima conferma di come San Giovanni sia una città vitalissima, attiva e vivace sotto il profilo culturale, non solo per la voglia di “fruire cultura” che la anima, ma anche per la passione nel “fare cultura” che la contraddistingue. Un patrimonio preziosissimo, di cui dobbiamo essere orgogliosi, e che questa Amministrazione intende incentivare e valorizzare come merita.”

(Il programma)

 

 

Articoli correlati