27, Novembre, 2021

Centro storico, partito il confronto con i cittadini. La sindaca Mugnai: “Auspico ancora più partecipazione”

spot_img

Più lette

Ieri il primo incontro in Palazzo Pretorio, con alcuni cittadini. A gennaio la passeggiata in centro e poi il laboratorio. Attivata anche una e-mail per ricevere proposte: “Spero che i prossimi incontri raccolgano quell’attenzione che spesso piazza Ficino ha suscitato sui social o nel dibattito pubblico”, è il commento di Giulia Mugnai

"Ancora non c’è stata ampia partecipazione a questo percorso, quindi spero che i prossimi incontri raccolgano quell’attenzione che spesso piazza Marsilio Ficino ha suscitato sui social network o comunque nel dibattito pubblico". Così la sindaca di Figline e Incisa, Giulia Mugnai, ha commentato la prima serata del percorso partecipativo per il centro storico, segnata da una partecipazione 'tiepida' da parte dei cittadini. 

"C’è bisogno del contributo di tutti i cittadini e di tutti i portatori di interesse e questo percorso partecipativo è l’occasione giusta per dare concretezza alle proprie idee, bisogni e, perché no, anche alle critiche", ha ribadito la prima cittadina. Ieri sera, i cittadini che hanno partecipato si sono potuti confrontare non soltanto con la sindaca Mugnai, ma anche con gli esperti dell'Istituto Nazionale di Urbanistica, Silvia Viviani, Franco Landini e Luigi Pingitore.

Sono emerse le prime considerazioni generali sul ruolo dei centri storici e sulla conformazione del tessuto urbano della città, con molti contributi che saranno sviluppati e approfonditi nei prossimi appuntamenti. Il percorso infatti prosegue: il secondo appuntamento è fissato per il 13 gennaio alle 10, davanti al Palazzo Pretorio, per una passeggiata esplorativa del centro. Durante il tour, che si concluderà alle 13, i cittadini avranno la possibilità di visitare vari luoghi, segnalare criticità e suggerire interventi su cui puntare. 

L’ultima tappa del percorso si svolgerà il 3 febbraio, dalle 9,30 alle 17, quando si tornerà a Palazzo Pretorio per due sessioni di lavori: la prima prevede un confronto tra buone prassi di gestione e valorizzazione dei centri storici; la seconda, invece, rappresenterà il momento di condivisione e di sintesi di quanto emerso nei vari step del progetto.

Intanto è già possibile fornire contributi scritti al percorso partecipativo (nello spazio massimo di una cartella): è stata infatti attivata a questo scopo la casella di posta elettronica ilcentrochevorrei@comunefiv.it.  

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati